2021 senza banane: l'eruzione del vulcano Sangay in Ecuador ha distrutto 55mila ettari di piantagioni
di Nico Riva

2021 senza banane? L'eruzione del vulcano ha distrutto le piantagioni del maggior esportatore mondiale

Nel 2021 rischiamo di non vedere banane sulle nostre tavole, avvertono gli esperti. Come mai? Perché la recente eruzione del vulcano Sangay ha ricoperto di cenere le piantagioni dell'Ecuador, fra i maggior esportatori mondiali del frutto tropicale. 

Leggi anche > Pazzesca eruzione del vulcano Sangay: intere città ricoperte di cenere VIDEO

Oltre 55mila ettari di bananeti intensamente colpiti e ricoperti dalla cenere vulcanica, scrive El Comercio. Le province di Guayas e Los Rios son le più colpite. Contando che la produzione solo di quest'area si aggira attorno al 25-30% di tutte le esportazioni globali di banane, il disastro in corso appare piuttosto evidente. Secondo le stime, oltre un milione e mezzo di casse di banane son invendibili ormai, ricoperte dalla cenere sprigionata dal vulcano Sangay domenica 20 settembre. 

Juan José Pons, coordinatore del consorzio delle aziende produttrici ed esportatrici di banane, ha spiegato al giornale El Comercio: «La caduta della cenere interrompe il processo di maturazione del banano», per questo si stima una perdita di almeno un terzo dei raccolti. Ciò significa che l'esportazione di banane dall'Ecuador, comprese quelle dirette al nostro Paese, subirà un drastico calo nei prossimi mesi. 
 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 30 Settembre 2020, 18:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA