La tredicesima torna a crescere, oltre 1.200 euro netti. «Una spinta ai consumi»

Confesercenti: meno risorse per i regali, più per i conti da saldare

La tredicesima torna a crescere, oltre 1.200 euro netti. «Una spinta ai consumi»

La tredicesima? Torna a crescere. Dopo il crollo del 2020, quest'anno l'ammontare della mensilità aggiuntiva dovrebbe arrivare a 43,7 miliardi di euro, oltre 360 milioni in più dello scorso dicembre ma ancora 1,2 miliardi sotto il livello pre-pandemia. Un'iniezione aggiuntiva che dovrebbe generare una spinta di 21 miliardi per gli acquisti nel periodo delle feste, circa 2,7 miliardi in più rispetto al 2020. A stimarlo è Confesercenti, sulla base di un sondaggio Swg. A ricevere la tredicesima saranno oltre 35 milioni di italiani tra pensionati e lavoratori dipendenti, per un importo medio di poco superiore a 1200 euro netti.

Tredicesima, crescita e spinta ai consumi

 

La maggior parte relativa dell'ammontare - spiega Confesercenti-Swg - andrà in consumi, in particolare alle spese per la casa e la famiglia, per cui gli italiani impiegheranno quasi 15,7 miliardi, oltre 3,3 miliardi in più dello scorso anno +27,4%. Un boom che sembra un rimbalzo: lo scorso anno, infatti, la stessa voce di spesa aveva registrato una flessione di 3,4 miliardi. Diminuisce invece la quota di risorse che andranno in regalo (5,4 miliardi, il 10,2% in meno del 2020) e quella dedicata ai conti da saldare che scende dai 13 miliardi dello scorso anno ai 10,2 di questo dicembre. Cresce ancora, invece, il risparmio: quest'anno finiranno sotto il materasso 12,5 miliardi, quasi un miliardo in più del 2020 e 2,1 miliardi in più del 2019.

«Quest'anno la tredicesima dovrebbe dare una spinta ai consumi ben più consistente dello scorso anno», commenta Confesercenti. «Un aumento dovuto in primo luogo alla ripresa del lavoro dopo lo stop imposto dalla pandemia e alla conseguente riduzione dell'indebitamento. Un segnale che lascia ben sperare, anche se non mancano elementi di preoccupazione. La crescita del risparmio, aumentato per il secondo anno consecutivo, è legata ad un persistente stato di incertezza, a sua volta dovuto al prolungarsi dell'emergenza sanitaria. Serve un'iniezione di fiducia: acceleriamo sulle quarte dosi e sgombriamo l'orizzonte dall'ipotesi di nuove restrizioni, che peggiorerebbero il deterioramento del clima e porrebbero un'ipoteca sulla ripresa in atto».


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 8 Dicembre 2021, 15:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA