Italiani tartassati, il commercialista Ernesto Vetrano: «Meno imposte sui redditi e più sui consumi»
di Valeria Arnaldi

Tasse in Italia, il commercialista Ernesto Vetrano: «Meno imposte sui redditi e più sui consumi»

Professor Ernesto Vetrano, dottore commercialista, quali riforme sarebbero necessarie in materia di tasse?


«Occorrerebbe abbassare la pressione sui redditi e alzarla sui consumi. In questo modo, si colpirebbe anche quella grande fetta di evasione fiscale che comunque esiste. In caso di nero, ciò che sfugge all'Irpef verrebbe colpito dall'Iva. Di solito, provvedimenti di questo tipo sono attaccati, dicendo che si colpisce la vecchietta che fa la spesa. Non è così. Riducendo la pressione da una parte e alzandola dall'altra, di fatto si fa un travaso».


Basterebbe questo per migliorare la situazione?


«A ciò bisognerebbe aggiungere la semplificazione dei procedimenti. Le procedure sono sempre più complicate, fanno perdere tempo anche a noi professionisti. Figuriamo la complessità per chi non fa questo mestiere».


Incentivare l'uso delle carte di credito rispetto ai contanti può essere utile?


«Il contante è necessario perché abbiamo tanto sommerso. Le carte di credito consentono la tracciabilità e se tutti usassero sistemi tracciati, si potrebbe lavorare per abbassarne i costi».


E poi c'è il tema della spesa pubblica.


«È vitale renderla efficiente. Dobbiamo pagare molti servizi, quando le risorse ci sono è importante che siano spese bene. L'apparato della Pubblica Amministrazione deve essere reso più efficiente. Spesso non è colpa di chi lavora, ma di come è concepito il sistema».


L'eccessiva pressione fiscale può influire sull'evasione?


«La pressione fiscale molto alta spinge tanti a cercare scappatoie. Essere bravi e avere per questo un reddito alto, alla luce dell'eccessiva pressione fiscale, può rivelarsi antieconomico. È immorale che sia così, ed è immorale pure evadere le tasse. Le tasse pagano i servizi dei quali tutti usufruiamo».


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Ottobre 2020, 09:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA