"Stati d’animo, arte e psiche tra Previati e Boccioni", la mostra che indaga le emozioni su Reteconomy

"Stati d’animo, arte e psiche tra Previati e Boccioni", la mostra che indaga le emozioni su Reteconomy
L'amore, la malinconia, la paura, la gioia. Le emozioni umane indagate a 360 gradi. È questo il leitmotiv della mostra "Stati d’animo – Arte e psiche tra Previati e Boccioni", ospitata al Palazzo dei Diamanti di Ferrara fino al prossimo 10 giugno. Se ne parla nella puntata di "Cult, si gira" in onda domenica 1° aprile alle ore 22 su Reteconomy Sky 512 e canale 260 del digitale terrestre.

Event Horizon, i segreti dell'arte digitale su Reteconomy

Agli arbori del secolo breve, l’arte pittorica viene attraversata dalla crisi delle certezze, dall’uomo privo di Dio descritto da Darwin e dall’individuo senza la garanzia della ragione e preda dell’inconscio delineato da Freud. Emergono così tele visionarie, linguaggi visivi sperimentali e arditi, immaginari poco rassicuranti e stati d’animo nuovi.



L’essere umano è imprevedibile, irrequieto come le città caotiche che abita, alle prese con un progresso tecnologico che affascina e spaventa. Tra futurismo, simbolismo e divisionismo, la mostra ferrarese riesce nell’impresa di catturare una moltitudine di sensazioni astratte, e lo fa grazie alla pittura, al disegno, alla scultura e alla musica, impreziosita dalle opere di Previati, Boccioni, De Chirico, Rodin, Munch, Morbelli  e Carrà.

I 500 campioni del made in Italy alla Borsa di Milano, il racconto su Reteconomy

“Cult, si gira” - programma a cura di Giuseppe Grossi - ha chiesto ai curatori Chiara Vorrasi e Vasilij Gusella come si afferra l’inafferrabile mondo dei sentimenti e come si racconta un’epoca in cui la realtà sembrava un labirinto in cui perdersi o ritrovarsi. 
Ultimo aggiornamento: Sabato 31 Marzo 2018, 19:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA