Stangata mutui, l'economista Mattiacci: «Cresceranno un po' i prestiti, ma effetti positivi sull'inflazione»

Stangata mutui, l'economista Mattiacci: «Cresceranno un po' i prestiti, ma effetti positivi sull'inflazione»

di Alessandra Severini

Professore, sarà davvero una stangata?

Credo ci siano allarmi eccessivi. Sì certo, la decisione della Bce porterà l'aumento di qualche decina di euro delle rate dei mutui a tasso variabile ma consideriamo che fino a pochi mesi fa questi mutui sono stati contratti a tassi molto vantaggiosi. Quindi sì un aumento, ma fino a poco tempo fa il costo del denaro era bassissimo. Era una situazione di anomalia che andava sanata.

Quindi ci sono anche effetti positivi?

Beh sì, per esempio oggi i titoli di Stato hanno rendimenti molto più alti rispetto al recente passato. Chi ha dei soldi da investire può farlo e ci guadagna qualcosa. E poi dobbiamo considerare che queste decisioni della Bce servono a contrastare l'inflazione, che è una tassa asimmetrica che colpisce tutti e i più poveri di più. L'inflazione è quella con cui facciamo i conti oggi: dalla spesa alla benzina, alla corrente elettrica. Se l'innalzamento dei tassi riuscirà a tenerla a freno sarà un bene per tutti.

E per chi ha chiesto piccoli finanziamenti tipo quello per l'acquisto di un auto?

Non è possibile fare previsioni perché dipende dal tipo di contratto e in questi casi sono molto diversi. Certo l'aumento generalizzato dei tassi fra un po' porterà il denaro a costare un po' di più e dunque avrà effetti anche su questi. Ma torno a dire che non si tratterà di effetti devastanti.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 27 Ottobre 2022, 23:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA