Spread in volo fino a quota 293 poi ripiega a 287

Spread in volo fino a quota 293 poi ripiega a 287

Economia stagnante, spread che vola fino a quota 293, con i titoli a breve termine che quasi fanno peggio della Grecia, borse in tensione soprattutto per l'annuncio di Donald Trump di una nuova guerra dei dazi, stavolta con il Messico. È in questa cornice già di per sé preoccupante che in Italia si consuma un vero e proprio giallo
sulla risposta da dare ai rilievi di Bruxelles sul debito pubblico. Il testo, arrivato alla stampa per via parlamentare,
fa irritare i pentastellati che con il premier Luigi Di Maio chiedono di verificare il testo mentre in contemporanea arriva la secca smentita del ministero dell'Economia e successivamente l'intervento del presidente del Consiglio che annuncia di aver ricevuto una lettera diversa, non ancora approvata, e che si ricorrerà anche alla via giudiziaria contro la diffusione di testi fake. C'è poi un altro spunto che fa crescere la tensione tra le due anime del governo: è la flat tax sulla quale c'è il pressing del leader della Lega Matteo Salvini.

L'economia e la politica si intrecciano per quella che appare una giornata di passione per il governo: dalla flat tax al
Pil, con lo spread che sale fino a 293 punti e poi chiude a 287, e la borsa costantemente in negativo.

La mattina si apre con la revisione dell'andamento del Pil da parte dell'Istat: il primo trimestre è andato un pò peggio di quanto si stimava, segnando un +0,1% anziché +0,2% indicato in precedenza. E soprattutto, sull'anno la proiezione al momento non è più di un +0,1% ma ha il segno meno. Anche se di un solo decimale si tratta di un calo su base annua che non si registrava da fine 2013, quando l'Italia era ancora nella morsa della recessione. «Andamento stagnante» lo definisce senza mezzi termini l'istituto di statistica, mentre il governatore della
Banca d'Italia, Ignazio Visco, mette in guardia sui rischi di rialzi dello spread che potrebbero 'fagocitarè rapidamente
anche l'utilizzo del deficit.

C'è poi la flat tax. Il leader della Lega Matteo Salvini prende spunto dalle considerazioni finali del Governatore per
chiedere di accelerare sulla flat tax. La risposta di M5s arriva poco dopo: i pentastellati si dicono disposti all'intervento anche in deficit. Ma poi quando arriva il primo testo della lettera all'Ue, leggono tra le righe che i risparmi arrivano dal welfare, leggi dal Reddito di Cittadinanza. «Magari è utile fare un vertice di maggioranza con la Lega insieme al presidente Conte e allo stesso Tria, così sistemiamo insieme questa lettera, prima che qualcuno la mandi a Bruxelles!», scrive su Facebook, Luigi Di Maio.

Già perchè l'orologio scorre e Bruxelles si attende l'arrivo della lettera di Giovanni Tria con i fattori rilevantì che dovrebbero servire a sventare l'apertura di una procedura di infrazione e la richiesta di manovre correttive, giustificando lo scostamento dei conti rispetto agli obiettivi concordati con la Ue. Nel testo circolato nel pomeriggio si riconoscono diverse delle argomentazioni che il governo italiano ha già illustrato nel Def ad aprile, e che il ministro dell'Economia ha ripetuto da ultimo anche ieri al Festival di Trento. L'Italia, i concetti espressi in quella missiva smentita poi dal Tesoro, ha assorbito peggio di altri l'imprevista battuta d'arresto che ha colpito tutta Europa, ha fatto comunque sforzi «significativi» di riduzione del deficit. E anche sul fronte del disavanzo strutturale non ci sono «deviazioni significative» che la Ue vede sulla base di un metodo di calcolo che è ancora penalizzante per Roma, nonostante la revisione dell'output gap. Non solo, c'è la fiducia sulla possibilità nel 2019 di fare anche meglio di quanto previsto e l'impegno a rispettare i target per il 2020.

Ma, ed è qui la nota 'stonatà e che ha mandato su tutte le furie l'M5S Luigi Di Maio, nella lettera Tria ipotizza risparmi sul welfare, cioè a reddito di cittadinanza e quota 100. Non erano questi evidentemente gli accordi, che volevano sì una spending review ma senza toccare le misure di bandiera gialloverdi. La bozza smentita conteneva anche uno stop all'ipotesi, circolata in mattinata e sostenuta da entrambi i partiti di maggioranza, di andare avanti «in deficit» con il progetto della flat tax. Una strada preclusa nelle parole del ministro contenute della bozza, che dicevano chiaramente che il taglio delle tasse si può fare ma «fatti salvi gli obiettivi di riduzione del disavanzo». Difficile immaginare che Tria non condivida almeno questa ultima affermazione. Ma per verificarlo bisognerà attendere la lettera ufficiale, il cui invio è stato annunciato «stasera entro i tempi previsti».

 
Venerdì 31 Maggio 2019, 10:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA