Sergio Marchionne e la verità sulla malattia: «La spalla e l'embolia cerebrale», cosa l'ha ucciso

  • 2
    share
Sergio Marchionne è morto ieri all’età di 66 anni, protetto da quella riservatezza che ha caratterizzato tutta la sua vita. Un alto livello di privacy è stato garantito anche dalla clinica di Zurigo dove era ricoverato, tanto che solo nelle ultime ore è stato reso noto il motivo del decesso dell’ex Ad di Fca: embolia cerebrale a seguito di intervento chirurgico per un sarcoma invasivo alla spalla.

In poche parole, una delle arterie del cervello del top manager si è occlusa causando danni irreversibili. Il cosiddetto embolo può formarsi sia in un paziente che è vigile, portando alla perdita di coscienza e convulsioni. Ma l’ostruzione di un’arteria nel cervello può avvenire anche durante un’operazione, e in questo caso, nonostante l’intervento immediato dei medici, non sempre si riescono a limitari i danni. La gravità delle conseguenze neurologiche provocate dall’embolia cerebrale dipende dall’entità della lesione, che se grave può causare danni permanenti.
-- L'ultima frase prima di morire, ecco cosa aveva detto Sergio Marchionne: la frase shock
Giovedì 26 Luglio 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME