Reddito di cittadinanza, hotel e stabilimenti senza personale: «Non vengono a lavorare per non perdere i soldi»

Reddito di cittadinanza, hotel e stabilimenti senza personale: «Non vengono a lavorare per non perdere i soldi»

Il primo a lanciare l'allarme era stato il sindaco di Gabicce Mare, poi rilanciato anche dall'ex premier Matteo Renzi. Questa estate 2019 ci ha messo non poco ad arrivare, ma è destinata ad essere ricordata anche per un altro motivo: tra spiagge, stabilimenti, ristoranti e negozi, sembra esserci il vuoto di giovani lavoratori stagionali. Mancano infatti i bagnini, i camerieri e i cuochi nelle principali località balneari italiane, ed i gestori non hanno dubbi: «Colpa del reddito di cittadinanza».

Cara estate, quanto costa andare al mare: fino a 60 euro al giorno. Più costosa la Sardegna, segue la Liguria
Birrificio Messina, il miracolo dei 15 operai che investono i TFR per riaprire la fabbrica: «Ora una birra con Heineken»



Domenico Pascuzzi, sindaco di Gabicce Mare, aveva infatti spiegato: «Siamo in emergenza vera. Molti giovani del sud, che l'anno scorso avevano fatto la stagione nei nostri alberghi, quest'anno non sono voluti tornare a perché stavano percependo il reddito di cittadinanza. E se accettassero di tornare perderebbero l'assegno da oltre 700 euro che a loro basta per vivere». L'allarme era stato anche rilanciato da Matteo Renzi su Twitter, ma il senatore ed ex premier 'dem' non è l'unico a puntare il dito contro il sussidio voluto dal M5S. Ivana Veronese, segretaria della Uil, ha infatti spiegato: «Nella riviera romagnola, da un lato diminuisce l'offerta di lavoro, dall'altro, anche se in misura minore, c'è chi accetta il lavoro in nero pur di non perdere il reddito di cittadinanza».
 



Molti albergatori e gestori di stabilimenti, sostiene Il Giornale, hanno denunciato la situazione: «Qualche giovane si presenta, ma chiedono espressamente di non essere regolarmente assunti per non perdere il sussidio. C'è poi chi preferisce prendere 700 euro al mese di sussidio invece di guadagnarne 1100 lavorando». Il M5S, sul blog ufficiale, ha però difeso il reddito di cittadinanza e risposto così alle critiche: «I lavori stagionali sono la giungla di precarietà. Orari disumani, stipendi da fame, nessuna sicurezza. Noi con il decreto Dignità e il reddito di cittadinanza sosteniamo chi è stato ridotto alla fame dai precedenti governi».
Domenica 9 Giugno 2019, 10:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA