Putin blocca i beni italiani in Russia, energia e banche a rischio. Enel, Unicredit e Intesa nel mirino

Congelata la vendita di asset controllati in Russia. L’elenco atteso questa settimana

Bloccati da Mosca gli asset italiani di energia e bancari. Putin congela le operazioni di vendita in Russia

di Roberta Amoruso e Gabriele Rosana

La risposta di Vladimir Putin alle sanzioni di Europa, Uk e Stati Uniti, è arrivata puntuale. Un decreto fresco di firma del Cremlino impedisce ai paesi considerati “ostili”, tra cui l’Italia, di vendere pacchetti azionari nei settori dell’energia e delle banche fino alla fine dell’anno.

Bollette con lo sconto per oltre cinque milioni di fragili e over 75. Come ottenerlo

La lista dei gruppi e degli asset congelati dovrebbe essere definita e resa nota questa settimana con il contributo della governatrice della Banca centrale russa Nabiulina. Ma nel mirino, evidentemente, ci sarebbe soprattutto il gigante americano ExxonMobil che stava portando avanti l’uscita dal costoso progetto Shakalin-1 insieme a Rosneft che sarebbe rimasta con il cerino in mano perdendo l’operatore del giacimento al quale contribuiscono, ma con ruoli minori, anche giapponesi e indiani. Guardando all’Italia, nella stretta sull’energia rientrerebbe, secondo quanto riportato dal quotidiano Kommersant, anche l’Enel. Temporaneamente congelata sarebbe infatti l’uscita degli azionisti stranieri da gran parte dell’industria energetica, con riferimento in particolare al già annunciato accordo per la cessione da parte del gruppo italiano a Lukoil e al fondo Gazprombank-Frezia della sua partecipazione del 56,43% in Enel Russia (che possiede tre centrali da 5,6 GW e due parchi eolici).

 

I casi

Certo, la decisione non sarà ufficiale finché non ci sarà l’elenco delle società che rientrano nel divieto. Poi, l’ultima parola spetterà a Putin: il decreto lascia la possibilità di chiudere le transazioni con un permesso speciale del Presidente. 

Crimea, Ucraina attacca base militare russa. Kiev: «Questo è solo l'inizio». Poi la smentita

Enel ha comunicato a metà giugno di aver raggiunto l’accordo per l’uscita dalla Russia con un’operazione da 137 milioni di euro, ma ad oggi era ancora in attesa del via libera delle autorità russe alla finalizzazione, condizionata proprio dall’ok locale. E a questo punto è difficile che l’operazione si chiuda nel quarto trimestre dell’anno. Secondo Kommersant, che indica tra le operazioni congelate anche l’accordo per la vendita di asset russi della finlandese Fortum, i problemi non finirebbero peraltro con i mancati incassi. Se le aziende europee saranno costrette a rimanere, nelle condizioni attuali dovranno infatti concentrarsi sul trovare un modo per mantenere e riparare le apparecchiature occidentali di fronte alle pesanti restrizioni imposte. Al di là delle partecipazioni industriali, in attesa della lista delle società “congelate” rimangono però anche le banche, compresa Unicredit, che ha già ridotto significativamente la propria esposizione ed è al lavoro per vendere e non “svendere” le proprie attività a paesi terzi non colpiti dalle sanzioni. L’espostizione dell’istituto verso Mosca è diretta con l’Unicredit Bank Russia e indiretta attraverso l’attività della controllata tedesca Hvb e del Corporate & Investment banking (Cib) che opera in 50 paesi. Discorso simile per Intesa Sanpaolo che ha fortemente limitato l’esposizione nel Paese e sta valutando la propria presenza. 

Putin arruola i volontari, al fronte dopo un mese: stipendi fino a 6mila dollari

La prima banca europea ad uscire dalla Russia ad aprile è stata Société Générale. Il gruppo francese ha venduto l’intera quota in Rosbank e delle filiali assicurative a Interros Capital, incassando una perdita di oltre tre miliardi. L’americana Citi, dopo aver ceduto le attività di consumer banking in Russia, ha deciso invece di mantenere la licenza bancaria.

Putin, mercenari della Wagner costretti a farsi pubblicità: «Unisciti a noi per liberare il Donbass»

Il carbone

Intanto scatta da oggi l’embargo totale sulle importazioni di carbone dalla Russia. Con l’entrata in vigore della misura sanzionatoria decisa dai governi dell’Ue ad aprile, al termine del periodo di grazia di quattro mesi richiesto in particolare dalla Germania, cadono tutte le deroghe e l’Europa non potrà più acquistare il combustibile fossile da quello che finora è stata il suo principale fornitore. Da sola, Mosca ha spedito fino allo scorso anno quasi la metà del totale dell’import Ue, con un interscambio commerciale dal valore di 4 miliardi di euro. E con i rincari generalizzati sul fronte energetico che non risparmiano il carbone, la tempesta perfetta pronta ad abbattersi sull’Ue questo inverno si arricchisce di una nuova variabile: nelle scorse settimane, infatti, il prezzo sulla piazza di Rotterdam ha raggiunto livelli quattro volte quelli registrati un anno fa, fisso sopra i 300 euro a tonnellata, fino a sfiorare i 400. Nonostante il livello record dei prezzi e l’impegno per la debarbonizzazione, per sopperire alla carenza di gas russo molti Stati Ue stanno riattivando le centrali a carbone. Una mossa che manterrà alta la domanda.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 10 Agosto 2022, 18:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA