Navigator, aperte le candidature: «3mila posti, domande online da oggi». Ecco come fare

Navigator, aperte le candidature: «3mila posti, domande online da oggi». Ecco come fare

Navigator, come fare a candidarsi alla prova di selezione? Dalle 10 di stamattina è possibile farlo, collegandosi al sito internet dedicato (http://selezionenavigator.anpalservizi.it). Il navigator sarà la figura che aiuterà i beneficiari del reddito di cittadinanza a orientarsi nel mercato del lavoro: allo stesso indirizzo, spiega una nota dell'Anpal, gli interessanti potranno prendere visione dell'avviso contenente i criteri di ammissione. Per accedere, è necessario essere in possesso di un Pin Inps, o delle credenziali Spid (Sistema pubblico di identità digitale) oppure Cns (Carta nazionale dei servizi).

Reddito di cittadinanza, migliaia di richieste via Facebook. E l'Inps sbotta

La presentazione on line della domanda è l'unica modalità prevista per partecipare alla selezione. Le candidature possono essere inviate entro le ore 12 dell'8 maggio 2019.
L'incarico di collaborazione avrà durata fino al 30 aprile 2021 e un compenso lordo annuo pari a 27.338,76 euro, oltre 300 euro lordi mensili a titolo di rimborso forfettario delle spese per l'espletamento dell'incarico, quali spese di viaggio, vitto e alloggio. Per assistenza e maggiori informazioni i candidati possono contattare l'help desk all'indirizzo selezionenavigator anpalservizi.it. 

Navigator, selezioni da incubo: «Attese 100mila candidature per soli tremila posti»



«Il navigator - spiega la nota - sarà la figura centrale dell'assistenza tecnica fornita da Anpal Servizi Spa ai centri per l'impiego, selezionata e formata per supportarne i servizi e per integrarsi nel nuovo contesto caratterizzato dall'introduzione del reddito di cittadinanza, per il quale l'obiettivo è di assicurare assistenza tecnica ai centri per l'impiego, valorizzando le politiche attive regionali, anche in una logica di case management da integrare e da implementare con le metodologie e tecniche innovative che saranno adottate per il reddito di cittadinanza». 

20 CANDIDATI PER OGNI POSIZIONE Saranno ammessi alla selezione per il ruolo di navigator al massimo 20 candidati per ogni posizione su base provinciale «in ragione del miglior voto di laurea», si legge sul bando appena pubblicato da Anpal servizi secondo il quale in caso di parità verrà preferito il candidato più giovane di età. Le lauree che danno accesso alla selezione sono quelle magistrali o specialistiche (o del vecchio ordinamento). Per accedere alla selezione bisognerà essere laureato in Economia, Scienze della politica, Scienze delle pubbliche amministrazioni, Sociologia, Scienze dell'educazione, Servizio sociale e politiche sociali, Psicologia, Teoria e tecniche della normazione e dell'informazione giuridica o Scienze pedagogiche. Nella domanda deve essere specificata la provincia per la quale ci si intende candidare. Non è possibile presentare più di una candidatura.

100 DOMANDE IN 100 MINUTI La prova di selezione che dovranno affrontare gli aspiranti navigator consiste in un test con domanda a risposta multipla costituito da 100 domande alle quali rispondere in 100 minuti. Le domande saranno su cultura generale, logica, informatica, politiche del lavoro, reddito di cittadinanza, contratti, istruzione e formazione, regolamento del mercato del lavoro, economia aziendale e test psicoattitudinali.

Al termine di ciascuna sessione d'esame si procederà in forma anonima e automatica alla correzione delle prove dei candidati e al calcolo dei relativi punteggi. Il punteggio totale di ciascun candidato viene ottenuto valutando le risposte fornite con un punto per ogni risposta esatta, zero punti per la mancata risposta e una penalizzazione di 0,4 punti in caso di risposta sbagliata. Superano la prova i candidati che abbiano ottenuto il punteggio minimo di 60/100. La graduatoria è su base provinciale.

In caso di parità verrà preferito il candidato con il miglior voto di laurea. In caso di ulteriore parità verrà preferito il candidato più giovane di età. I candidati idonei, ovvero coloro che abbiano conseguito un punteggio minimo di 60/100 ma non sono risultati vincitori, potranno essere chiamati, sempre in ordine di graduatoria, a soddisfare eventuali fabbisogni anche per la copertura di posizioni non coperte all'interno di province limitrofe a quella per la quale hanno presentato la candidatura.

Giovedì 18 Aprile 2019, 12:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA