Lotteria degli scontrini da gennaio 2021? Tutti i premi e i vantaggi per chi non paga in contanti

Lotteria degli scontrini da gennaio 2021? Tutti i premi e i vantaggi per chi non paga in contanti

Nei prossimi mesi potrebbe finalmente partire la lotteria degli scontrini, di cui si parla da mesi ma che era rimasta ancora una chimera, anche per colpa della pandemia di coronavirus. Il 1 gennaio 2021 dovrebbe essere la data giusta per il provvedimento che è parte del piano per la lotta all’evasione fiscale, con la limitazione dell’uso dei contanti.

Leggi anche > Il reddito di cittadinanza non funziona, Conte vuole modificarlo: ecco cosa potrebbe cambiare

Ma in cosa consiste la lotteria degli scontrini, che doveva già essere realtà dallo scorso agosto? Per partecipare basterà avere un qualsiasi scontrino a partire da un euro di spesa, essere maggiorenni e richiedere un ‘codice lotteria’ sul portale dell’Agenzia delle dogane e dei monopoli, inserendo il proprio codice fiscale, spiega oggi il Corriere della Sera.

Leggi anche > Scuola, arriva il concorso: sarà il 22 ottobre. «32mila posti, le domande sono già il doppio»

Il codice va mostrato al negoziante, che abbina il codice stesso allo scontrino: in questo modo si genera un numero di biglietti virtuali a seconda della cifra spesa. Le estrazioni saranno annuali e mensili, ma forse anche settimanali: ogni scontrino partecipa a tutte le estrazioni. I premi settimanali dovrebbero essere da 5mila euro, quelli mensili da 30mila euro, quello annuale da un milione di euro.

Ma parallelamente alle estrazioni ordinarie dovrebbero esserci anche le estrazioni ‘zero contanti’, con 15 premi da 25mila euro per il consumatore e 15 premi da 5mila euro per l’esercente, ogni settimana, 10 premi da 100mila euro per il consumatore e 10 da 20mila euro per l’esercente ogni mese, e infine un premio di 5 milioni per il consumatore (un milione per l’esercente) ogni anno.

Per controllare i propri biglietti virtuali ci si può registrare sull’area riservata del portale: i premi arrivano tramite bonifico o assegno circolare e non sono tassati. La cifra totale stanziata dal Governo è di 50 milioni di euro. Non valgono gli scontrini di acquisti online e nemmeno quelli per cui ci sono detrazioni fiscali, così come gli scontrini di farmacia, ottico e veterinario. Infine dovrebbero esserci dei premi (di 3mila euro per le prime 100mila persone) a chi nell’arco di sei mesi avrà pagato in più occasioni con metodo digitale.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 28 Settembre 2020, 20:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA