Dimissioni, è boom. Inps: +31,7% in sei mesi. Raddoppiati i licenziamenti di natura economica

Dimissioni, è boom. Inps: +31,7% in sei mesi. Raddoppiati i licenziamenti di natura economica

di Redazione web

Dimissioni, è boom di chiusure di rapporti di lavoro oriiginate dalla volontà dei lavoratori dipendenti: +31,7% in sei mesi, fa sapere l'Inps. E, purtroppo, nello stesso periodo sono raddoppiati i licenziamenti di natura economica.

Sono 1.080.245 le dimissioni dal lavoro registrate dall'Inps nei primi sei mesi del 2022 con un aumento del 31,73% rispetto allo stesso periodo del 2021. Lo si legge nelle tabelle dell'Osservatorio sul precariato dell'Istituto secondo le quali nello stesso periodo sono raddoppiati i licenziamenti di natura economica (da 135.115 a 266.640). Il confronto con il 2021 risente del fatto che nei primi sei mesi era ancora in vigore il blocco dei licenziamenti per fare fronte alla crisi economica scatenata dalla pandemia.

Flessibile, innovatore ed incline al cambiamento: ecco l'identikit dell’imprenditore 4.0

Ilaria Borgonovo, la star di OnlyFans: «Foto e video hot? Me li pagano col reddito di cittadinanza»

Contratti a tempo indeterminato

Nei primi sei mesi dell'anno i datori di lavoro privati hanno fatto 4.269.179 assunzioni e 3,322.373 cessazioni di contratto di lavoro per un saldo positivo che supera i 946mila contratti. È quanto emerge dall'Osservatorio Inps sul precariato secondo il quale la variazione dei contratti a tempo indeterminato (assunzioni più trasformazioni meno cessazioni da contratti a tempo indeterminato) è stata positiva per 255.341 unità, di molto superiore a quella registrata nei primi sei mesi del 2021(erano 113.042). Sono esclusi i lavoratori domestici e gli operai agricoli mentre sono incusi i dipendenti degli enti pubblici economici.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 16 Settembre 2022, 18:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA