Consob, si dimette il presidente Nava. Di Maio: «Ora un servitore dello Stato»

Consob, si dimette il presidente Nava. Di Maio: «Ora un servitore dello Stato»

Ha presentato le sue dimissioni il presidente della Consob Mario Nava. Il collegio della Consob è stato convocato per una riunione d'urgenza dopo le pressioni della maggioranza di governo affinchè mettesse in regola la sua posizione rispetto al comando per ragioni di servizio concesso dalla Commissione europea oppure si dimettesse con "un gesto di sensibilità istituzionale".

Dimissioni accettate. Il collegio Consob ha accettato le dimissioni del presidente Mario Nava nel corso di una riunione convocata d'urgenza che si è conclusa da poco. Nava ha presentato le dimissioni dopo le pressioni della maggioranza di governo affinché mettesse in regola la sua posizione rispetto al comando per ragioni di servizio concesso dalla Commissione europea oppure si dimettesse con «un gesto di sensibilità istituzionale». Non è da escludere, come ricostruito dal sito del Sole 24 Ore, che il collegio possa avere chiesto a Nava di rivedere la decisione, rinunciando al comando e optando per l'aspettativa che avrebbe eliminato ogni dubbio sulla incompatibilità rispetto al ruolo di presidente della Consob. Nava (che si era insediato il 16 aprile scorso, ndr) però, ha deciso di lasciare l'incarico e tornare a Bruxelles.​ 

"Questione politica". «La questione legale della mia posizione amministrativa è stata decisa e validata da ben quattro istituzioni, Commissione europea, Presidenza del Consiglio, Presidenza della Repubblica e Corte dei Conti, e non necessita miei commenti ulteriori. La questione è quindi solo politica. La Consob è indipendente, ma non può essere isolata. Consob deve poter lavorare non solo con le altre autorità indipendenti, ma anche con le istituzioni politiche». Lo afferma il presidente uscente della Consob, Mario Nava.

Di Maio: ora un servitore dello Stato. «Complimenti a chi nel Movimento 5 Stelle non ha mai mollato su questa battaglia. Adesso vi prometto che nomineremo un servitore dello Stato e non della finanza internazionale. Volteremo pagina assicurando alla Consob un presidente che possa esercitare pienamente e liberamente il suo ruolo». Così il vicepremier Luigi Di Maio in un post su Facebook commentando le dimissioni di Nava da presidente della Consob.- «Finalmente - prosegue Di Maio - arriva la presa d'atto da parte del presidente della Consob, Mario Nava, circa la sua incompatibilità tra il distacco dagli uffici tecnici della Commissione europea e la guida di una Autorithy nazionale come la Consob».

Giovedì 13 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 21:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-09-14 08:57:59
magari trovarne uno che tifi per la plebe non sarebbe male
DALLA HOME