Coronavirus, la ministra Catalfo: «Bonus per partite Iva aumenterà. Più risorse anche per la Cig»

Coronavirus, la ministra Catalfo: «Bonus per partite Iva aumenterà. Più risorse anche per la Cig»

Più risorse per la cig, un aumento del bonus di 600 euro per le partite Iva e un'accelerazione per i bonus baby sitter: sono le misure che la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo ha illustrato questa mattina su Radio Capital a Circo Massimo. «Sto emanando - annuncia la Catalfo - un ulteriore decreto ministeriale per tutelare tutti gli autonomi iscritti alle casse di previdenza private».

Leggi anche > Bonus autonomi e baby sitter, come richiederlo? SCARICA QUI IL DOCUMENTO

«Ora stiamo scrivendo le nuove misure e sicuramente i 600 euro per le partite Iva saranno confermati, anzi è allo studio un aumento. Stiamo prevedendo un indennizzo per tutti, per coprire tutti i lavoratori». Per la Cig «ci saranno tutte le risorse necessarie e già nel primo provvedimento da 25 miliardi di euro, 11 erano sul tema lavoro. Lo stanziamento per il prossimo decreto sarà almeno della stessa cifra con una attenzione a tutti i lavoratori».

Leggi anche > A Codogno torna l'incubo: «Sei nuovi positivi dopo l'apertura della zona rossa»

La circolare Inps per i bonus baby sitter «è già stata emanata e i soldi saranno presto fruibili. Comprendo la difficoltà dei cittadini che affrontano una situazione che è surreale», ha aggiunto. «So che altri paesi europei stanno mettendo rapidamente i soldi nelle tasche dei cittadini - spiega - io sono in chat con gli altri ministri del lavoro europei e ci confrontiamo sulle misure da prendere e come loro ci hanno preso come esempio per le misure sanitarie io sono pronta a confrontarmi su quello che fanno sul sostegno economico».

«Gli strumenti per affrontare l'emergenza devono essere radicalmente diversi da quelli pensati fino a ora. Siamo fuori dalla normalità. Serve coraggio e servono iniziative comuni» e «se siamo in un Europa unita si deve andare avanti insieme», ha aggiunto la ministra dopo la risposta per ora negativa arrivata da alcuni paesi europei sulle proposte per finanziare congiuntamente, in Europa, la risposta allo shock economico del coronavirus. «Alcuni non capiscono quello che sta succedendo e che, qualsiasi cosa succeda a livello economico, coinvolge tutti».

Ultimo aggiornamento: Venerdì 27 Marzo 2020, 17:13
© RIPRODUZIONE RISERVATA