La Basilicata dà mille euro ai liberi professionisti: «Danneggiati fortemente dal coronavirus»

video
In Basilicata i liberi professionisti in difficoltà ricevono mille euro: la decisione è stata della Giunta regionale lucana, che ha varato altre misure di sostegno per le partite Iva e per le imprese, un «Bonus liberi professionisti» finanziato dai fondi del piano operativo Fesr Basilicata 2014-2020. Il contributo forfettario a fondo perduto è stato destinato ai liberi professionisti in quanto «categoria produttiva fortemente danneggiata sotto il profilo economico dall'emergenza Covid-19 per la sospensione e la riduzione della loro attività».

Leggi anche > Coronavirus, l'Italia ricomincia da Cosenza: «È la città in cui sarà più facile ripartire»

CHI LI PUO' RICHIEDERE Per accedere al contributo 'una tantum' sono richiesti l'iscrizione all'albo professionale ed alla relativa cassa previdenziale o alla gestione separata Inps in assenza di cassa; inizio attività prima dell'1 gennaio scorso; sede o studio sul territorio della Regione Basilicata; assenza di iscrizione ad altra forma di previdenza obbligatoria; reddito complessivo dichiarato per l'anno 2018 inferiore a 30.000 euro.

Due avvisi pubblici deliberati dall'esecutivo riguardano il sostegno di attività imprenditoriali di interesse socio-assistenziale e, inoltre, sono state incrementate le dotazioni finanziarie dell'avviso pubblico «Manifestazione di interesse - sistema regionale di recupero e distribuzione eccedenze alimentari e non» e del fondo 'Social card Covid 19'.

20 MILIONI DI EURO Il pacchetto di misure mette in campo oltre 20 milioni di euro, a cui aggiungere le somme richieste dai liberi professionisti. L'assessore alle attività produttive Francesco Cupparo sottolinea «l'importanza di queste misure che si vanno ad aggiungere a tutte le altre predisposte in questo periodo per venire incontro ai bisogni primari delle famiglie, sostenere gli investimenti e la stessa permanenza sul mercato delle imprese lucane in grande difficoltà di liquidità». 

Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Aprile 2020, 13:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA