Rc auto familiare dal 16 febbraio, ma c'è il rischio rinvio

Rc auto familiare, la misura che può far risparmiare fino a 1000 euro al mese, potrebbe slittare. La sua entrata in vigore era prevista per il 16 febbraio, però le Commissioni Affari Costituzionali e Bilancio della Camera, che stanno esaminando il Milleproroghe, hanno proposto nuovi termini di entrata in vigore.  Il Pd chiede il rinvio al 16 giugno, quattro deputati del M5S al 30 giugno, mentre esponenti di Forza Italia e Italia Viva, in due distinte proposte di modifica, chiedono che la novità scatti dal 16 aprile. La nuova norma, approvata con un emendamento nel Dl fiscale, consentirà a un nucleo familiare di assicurare tutti i veicoli, indipendentemente che si tratti di un mezzo a due o quattro ruote, usufruendo della migliore classe di merito presente all’interno del nucleo. La misura vale sia per un rinnovo dell'assicurazione che per la stipula di una nuova assicurazione auto. Un vantaggio importante, ad esempio, per quegli automobilisti in prima classe che acquistano o hanno già una moto o uno scooter e che, al contrario di quanto accade adesso, potranno trasferire la CU maturata sulle quattro ruote alle due ruote, con evidenti vantaggi economici. In alcuni casi la spesa totale per le assicurazioni potrebbe diminuire addirittura del 53%. 

LEGGI ANCHE Rc Familiare, tra una settimana entra in vigore. 5 milioni di italiani hanno ancora idee confuse
LEGGI ANCHE Reddito di cittadinanza, riscuoteva l'assegno a Modena ma aveva 78 auto intestate

Come funziona. Un esempio: per una famiglia con due auto intestate ai genitori, entrambi in prima classe di merito, e due scooter assicurati in quattordicesima classe, il costo totale sarebbe pari a oltre 1.430 euro l’anno. Con la normativa vigente, non è possibile traferire la classe di merito dall’auto a un veicolo a due ruote quindi, anche se in prima classe di merito, i genitori che assicurano per la prima volta uno scooter o una moto devono partire dalla quattordicesima classe. Con la nuova norma, invece, la classe di merito maturata sull’auto passerebbe anche alle due ruote con un risparmio, per il nucleo famialire preso in considerazione, di circa 690 euro, vale a dire circa il 48% in meno rispetto a quanto pagherebbe oggi.

L'Rc auto familiare vale anche da auto ad auto. L’attuale sistema assicurativo, grazie alla Legge Bersani, consente in realtà già ai membri di una famiglia di utilizzare la classe di merito più favorevole maturata su un’automobile per assicurare un’altra auto, ma solo nel caso in cui si tratti però di acquisto di un veicolo che entra per la prima volta in possesso della famiglia (indipendentemente dal fatto che il mezzo sia nuovo o usato). Con l’Rc familiare decade anche questo vincolo quindi gli automobilisti italiani potranno utilizzare la classe di merito più favorevole per assicurare anche veicoli già di proprietà del nucleo familiare. Tuttavia non tutti potranno usufruire di questa nuova misura. Sono esclusi, infatti, gli assicurati che si trovano già in prima classe di merito e tutti gli assicurati che hanno causato un incidente nei cinque anni precedenti. 



 
Ultimo aggiornamento: Martedì 11 Febbraio 2020, 10:59
© RIPRODUZIONE RISERVATA