Agenzia Ice assume 50 giovani con competenze marketing e web

Agenzia Ice assume 50 giovani con competenze marketing e web

Inserire nuovi professionisti nel campo delle esportazioni per assicurare l’ammodernamento e il ricambio generazionale dell’Agenzia Ice, per affiancare le imprese nel percorso di digitalizzazione dei processi d’esportazione: sono questi in sintesi gli obiettivi alla base del nuovo bando di concorso a 50 posti a tempo determinato dell’Agenzia Ice, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, e che trova la sua origine nelle misure per le esportazioni e l’internazionalizzazione previste dal Decreto Legge sul rilancio del Paese a seguito del Covid-19.

I 50 posti messi a bando sono ripartiti in due distinti bandi di selezione: 30 unità da assegnare alle attività di servizio alle imprese sulle tecnologie digitali, in grado di sviluppare e fornire alle imprese nuovi servizi per l’internazionalizzazione basati su tecnologie quali e-commerce, fiere virtuali, B2B in rete, data analytics e tutela del brand su tecnologie blockchain; 20 unità da assegnare alle attività di marketing, promozionali, servizio e consulenza alle imprese, con profili nuovi di cultura aziendale, conoscenza del web e delle lingue estere dei nuovi mercati, oltre all’inglese.

«Dopo oltre un decennio, e con un’età media del personale di 53 anni, l’Ice torna a sviluppare in prospettiva il proprio capitale umano – ha affermato il presidente Carlo Ferro – Gli interventi di supporto alla ripresa e di riposizionamento strutturale sui nuovi mercati, richiedono un’accelerata transizione verso il digitale. Non si tratta di risorse finanziare, giacché Ice sta rispondendo con un miglior utilizzo di quelle già disponibili.
È, piuttosto, una sfida di capitale umano, una sfida alla sua capacità di essere attore di nuove proposte e di adeguarsi ai nuovi paradigmi del commercio mondiale e dell’innovazione tecnologica. Per questo credo che il concorso lanciato oggi sia un’importante tappa nella modernizzazione dell’Ice e un meraviglioso punto di partenza per molti giovani che sono, per natura della loro generazione, nativi digitali, multitasking, multi-lingue e affacciati sul mondo».
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 17 Giugno 2020, 13:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA