Operai salvano l'azienda in crisi con il Tfr, ora fattura 2 milioni. «Furti e incendio, all'inizio fu un incubo»

Operai salvano l'azienda in crisi con il Tfr, ora fattura 2 milioni. «Furti e incendio, all'inizio fu un incubo»

Hanno salvato la loro azienda, rilevando la fabbrica, risollevandone le sorti: il tutto con il sacrificio delle loro tasche, impegnando la loro liquidazione, ma portandola ora a fatturare 2 milioni di euro. È la bellissima storia dei lavoratori di un’azienda di Acerra, Napoli, la Screen Sud, operai ma anche titolari: storia che è iniziata qualche anno fa, quando lavoravano per la società Lafer, fallita e messa in liquidazione.

All’epoca partì l’appello: cooperiamo, mettiamoci insieme e salviamo l’azienda. Ma su 50 lavoratori solo in 12 decisero di crederci: misero sul tavolo i soldi dei loro Tfr (da 7 a 25mila euro), e con il loro denaro, la loro pazienza e il loro sacrificio hanno portato il capitale sociale a 130mila euro, aiutati da Legacoop, racconta Repubblica nelle pagine locali di Napoli.

L’azienda, ora cooperativa, produce telai in acciaio e reti antintasanti: 3mila metri quadri al mese da destinare al mercato italiano ed estero. I primi momenti furono drammatici: dopo essersi aggiudicati all’asta il magazzino e le macchine, gli operai-proprietari si ritrovarono con le prime scadenze da pagare e non avevano soldi, perché i Tfr tardavano ad arrivare. «Andavamo ogni mattina alle 7 a protestare agli uffici dell’Inps», ricorda Nicola Sodano, uno dei 12 “eroi”.

Poi alcuni sabotaggi e furti e infine un incendio al capannone a Nola, con quelle fiamme che misero a dura prova la loro pazienza: «Quelle fiamme le sogno ancora la notte, è stato un incubo - racconta un altro lavoratore, Antonio Cimmino - Abbiamo dovuto aspettare altri sei mesi». Infine il nuovo capannone ad Acerra, la ripartenza, l’inizio di una nuova vita, e ora la soddisfazione di essersi rimessi in carreggiata grazie alla cooperazione. Una storia che dovrebbe insegnare molto a tutti.
Lunedì 1 Aprile 2019, 10:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA