Il mini lockdown e la Legge di Pareto

Video
di Alberto Mattiacci

Il DPCM di domenica ha scatenato le critiche di molti. Un economista ci suggerirebbe di considerare la Legge di Pareto per giudicare. Vediamo.
Wilfredo Pareto è stato un importante economista e sociologo italiano, vissuto fra la fine dell'Ottocento e il Novecento. È uno di quegli studiosi con i quali tutti quelli che studiano Economia Politica devono fare i conti.
È stato versatile -ingegnere, economista, sociologo- come lo si poteva essere a quell'epoca.
Erano tempi, infatti, nei quali il mondo appariva meno complesso di oggi e, quindi, i fenomeni potevano essere più facilmente osservati -spesso, alla radice.
Dalla sua propensione ai dati nasce un'importante osservazione: in genere, se guardiamo ai grandi numeri, l'80% di un fenomeno è generato dal 20% delle cause possibili. Fece questa scoperta studiando il modo in cui si distribuiva la ricchezza: elaborando molti dati statistici scoprì che l'80% della ricchezza era concentrata nelle mani del 20% della popolazione. Come tutte le leggi economiche, anche questa non è scritta su pietra ma si fida di grandi volumi di dati. Funziona, e bene, in un gran numero di casi, se si hanno dati corretti. Nelle imprese, ad esempio, se si va a guardare con attenzione, capita di scoprire che l'80% delle vendite poggia sul 20% dei clienti.
Veniamo al DPCM: teatri e piscine, per esempio, rientrano in quel 20% che genera l'80% dei contagi COVID? Secondo il Governo (che ha i dati) forse sì.
leggo.economicamente@gmail.com


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 28 Ottobre 2020, 14:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA