Medicina di genere, Anna Maria Moretti è la prima italiana alla guida della Società internazionale

Medicina di genere, Anna Maria Moretti è la prima italiana alla guida della Società internazionale

Per la prima volta un’italiana alla guida della Società internazionale di medicina di genere (Igm). Anna Maria Moretti, responsabile della Struttura di Malattie apparato respiratorio dell’Ospedale Santa Maria GVM di Bari, già presidente nazionale del Gruppo italiano salute e genere (Giseg), è stata eletta a capo dell’Igm nel corso del decimo Congresso internazionale della società scientifica. Moretti succede all’austriaca Alexandra Kautzi-Willer.

 «È una bellissima notizia che per prima volta sia stata eletta alla presidenza dell’International society of gender medicine una italiana», le congratulazioni del ministro della Salute Speranza. «Il congresso è stato un evento di importante significato scientifico, clinico, organizzativo per la cura corretta di uomini e donne che presentano enormi differenze in sintomi, terapie, prevenzione di tutte le malattie. L’Italia – ha aggiunto Speranza – per 10 anni era stata rappresentata a livello internazionale dalla professoressa Giovannella Baggio, oggi componente del Consiglio superiore di sanità (Css)».

«Siamo fieri di avere per la prima volta una donna italiana alla guida di questa società scientifica internazionale. Come membro del board della Società internazionale da ormai 10 anni – ha commentato Giovannella Baggio, presidente del congresso, ordinario di Medicina di Genere all’Università di Padova e membro del Consiglio superiore di sanità – ho proposto e sostenuto la candidatura della professoressa Moretti. L’autorità nel campo della medicina di genere che hanno i ricercatori italiani ha favorito questo successo». Anna Maria Moretti da anni è impegnata nella medicina di genere, come presidente del Gruppo italiano salute e genere (Giseg), unica società scientifica italiana dedicata al settore e componente della commissione Medicina di genere della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo).


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 21 Settembre 2022, 20:49
© RIPRODUZIONE RISERVATA