Esce "Fulmine", il testamento ambientalista di Wilbur Smith

Esce "Fulmine", il testamento ambientalista di Wilbur Smith

Doveva essere l'inizio di una nuova promettente serie quel "Tempesta", primo libro per ragazzi di Wilbur Smith uscito la scorsa primavera. Ora, con l'uscita del secondo volume, "Fulmine" il 25 novembre in Italia per Harper Collins la sua vena per uomini e donne del futuro si trasforma in un testamento, ed è un testamento ambientalista con cui il prolifico e amatissimo scrittore, pensava di dire la sua dopo la pandemia. «Scrivere ai ragazzi - diceva in un'intervista a La Repubblica - mi dà la possibilità di lanciare alla nuova generazione, la più sensibile all'ambiente, un messaggio a favore della conservazione della Terra e di amore per la Natura. Le cose vanno cambiate subito, già da ora». E aggiungeva, «Vivere avventure è il modo migliore per conoscere il mondo e se stessi: infatti i bambini sono spontaneamente più avventurosi degli adulti. Giocare con i proprio amici a dieci anni è molto più adrenalinico che »giocare« a qualcosa con gli amici a cinquant'anni. E poi a dieci anni si è sempre degli scrittori in erba, nel senso che a quell'età ci costruiamo un mondo di cui noi siamo gli eroi, e in cui, armati di una spada immaginaria, sconfiggiamo i cattivi».

Così Wilbur Smith aveva dato vita al suo primo romanzo per ragazzi "Tempesta.(Le avventure di Jack Courtney)", scritto con Chris Wakling, pubblicato da Harper Collins nella traduzione di Paolo Maria Bonora e destinato ai ragazzi dai 10 anni. Narra di Jack Courtney che non si è mai allontanato dall'Inghilterra, ma questa volta i suoi genitori hanno deciso di portarlo con loro nella Repubblica Democratica del Congo, dove parteciperanno a un importante convegno sullo sviluppo sostenibile, e gli hanno permesso di portare con sè due amici: Amelia e Xander. Mentre i tre ragazzi sono impegnati in un safari nella foresta pluviale, i genitori di Jack scompaiono misteriosamente, rapiti, sembra, da una banda di mercenari. Nessuno sa che fine abbiano fatto, ma Jack è deciso a ritrovarli, e per farlo è disposto a sfidare i pericoli della giungla e a spingersi persino nelle miniere di tantalio della zona per indagare. Tra gorilla, banditi, bracconieri e un molesto cugino che li ostacola a ogni piè sospinto, lui e i suoi amici dovranno mettere in gioco tutte le loro risorse e capacità per salvare non solo i genitori di Jack, ma anche le loro stesse vite. Nel secondo capitolo, "Le avventure di Jack Courtney. Fulmine", in libreria sempre per HarperCollins il 25 novembre (16.00 euro, 320 pagine Età 10+) Il quattordicenne Jack Courtney, con Amelia e Xander, si trovano a Zanzibar a fare immersioni per aiutare la madre di Jack, impegnata in un importante progetto a salvaguardia dei coralli. L'ultimo giorno di spedizione, però, la loro barca d'appoggio viene attirata in una trappola e i ragazzi vengono catturati da una banda di pirati somali e tenuti in ostaggio in attesa che venga pagato un riscatto per la loro liberazione. Jack è deciso a impedire che sua madre ceda alle richieste dei rapitori, e quando viene trasferito in un campo di addestramento per bambini soldato si rende conto che l'unica speranza di fuggire è Mo, un ragazzino somalo con cui ha fatto amicizia. Mo è senza dubbio pieno di risorse… ma può fidarsi di lui? E soprattutto come faranno, Jack, Amelia e Xander, a battere in astuzia gli spietati individui che li tengono prigionieri?

Quella dei Courtney è la saga più lunga che sia mai stata scritta, e Le avventure di Jack Courtney ne inauguravano un nuovo filone dedicato ai membri più giovani di quella incredibile famiglia. Fulmine è il secondo libro di questa nuova serie per ragazzi, dopo Tempesta. Vedremo se ne ha lasciati altri nel cassetto.


Ultimo aggiornamento: Domenica 14 Novembre 2021, 18:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA