Vaccino Pfizer, firmato il contratto per altre 1,8 miliardi di dosi in Europa. L'Oms: «Efficaci su tutte le varianti»

Video

Vaccino Pfizer-BioNTech, in arrivo quasi altre due miliardi di dosi in Europa. La Commissione europea ha firmato il contratto con la multinazionale americana per la fornitura di 1,8 miliardi di dosi del vaccino contro il Covid e le sue varianti, per il periodo che va dal 2021 al 2023. Una buona notizia, unita alle rassicurazioni dell'Organizzazione mondiale della Sanità, che ha fatto sapere questa mattina che i vaccini sono efficaci contro «tutte le varianti del virus».

Leggi anche > Zone bianche, conto alla rovescia: quali regione cambieranno colore il 1 giugno

Ad annunciare l'avvenuto accordo tra Pfizer e Commissione è stata la commissaria alla salute Stella Kyriakides, e la presidente Ursula von der Leyen. Il terzo contratto stipulato con le due società, secondo quanto si legge in una nota della Commissione, stabilisce in particolare che la produzione dei vaccini avvenga all'interno dell'Unione europea e che anche i componenti essenziali arrivino da Paesi dell'Unione. Inoltre, a partire dal 2022, il nuovo contratto prevede «forniture garantite» al fine di evitare nuove spiacevoli sorprese sui tempi di consegna della dosi.

«È una buona notizia per la lotta a lungo termine intrapresa al fine di proteggere i nostri cittadini dal virus e dalle sue varianti», ha commentato von der Leyen. «Pfizer-BioNTech ha svolto un ruolo chiave nella fornitura delle dosi necessarie per vaccinare entro luglio il 70% della popolazione adulta. Con questo contratto di nuova generazione - ha osservato la presidente della Commissione - la produzione e la consegna di 1,8 miliardi di dosi sono garantite. Eventuali altri contratti con altre aziende seguiranno lo stesso modello a beneficio di tutti». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 22 Maggio 2021, 10:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA