Vaccino Moderna, 47mila dosi stoccate all'Iss: andranno alle regioni che hanno più anziani over 80

Video

Vaccino anti coronavirus di Moderna, è arrivato in Italia il primo carico di 47mila dosi, che ha passato il confine col Brennero ieri notte ed è giunto nella sede dell'Istituto Superiore di Sanità a Roma: le dosi sono state stoccate presso l'istituto e nei prossimi giorni verranno distribuite alle Regioni, con i mezzi messi a disposizione da Poste Italiane, ha reso noto l'Iss. 

 

Leggi anche > Troppi obiettori in Alto Adige, anticipati gli over 80. Burioni: gravi rischi

 

I primi 47mila vaccini di Moderna, fa sapere l'istituto, saranno distribuiti nei prossimi giorni alle Regioni dando priorità a quelle con un maggior numero di abitanti sopra gli 80 anni. Fino al valico il mezzo che trasportava i vaccini è stato accompagnato da guardie giurate, la scorta è poi passata al settimo reggimento carabinieri di Laives. Nei prossimi giorni verrà consegnata nella sede dell'Istituto una seconda tranche del vaccino Moderna, mentre in seguito lo stoccaggio avverrà direttamente all'aeroporto militare di Pratica di Mare.

 

Leggi anche > Astrazeneca chiede autorizzazione all'Ema: «Decisione entro il 29 gennaio»

 

La protezione

 

Il vaccino anti-Covid prodotto dalla società di biotecnologia Moderna dovrebbe proteggere dal coronavirus per almeno un anno: lo ha detto ieri agli investitori un alto funzionario della stessa società, secondo quanto riporta la Cnn. «La nostra aspettativa è che la vaccinazione duri almeno un anno», ha detto Tal Zaks, direttore medico di Moderna, alla 39ma conferenza annuale di JP Morgan sulla sanità. La società, ha proseguito, dovrà verificare adesso se è possibile estendere la protezione con l'aggiunta di una terza dose. Attualmente il vaccino viene somministrato in due dosi a circa un mese di distanza.

 

Alto Adige vaccina gli over 80 

 

L'Alto Adige, visto l'alto numero di 'obiettori' tra il personale sanitario e quello nelle rsa, inizia da subito con la vaccinazione anti-Covid degli over 80 e di altre categorie a rischio, ha annunciato l'assessore alla sanità Thomas Widmann. La Provincia di Bolzano attualmente è infatti fanalino di coda nella somministrazione dei vaccini. Secondo Widmann, visto che non c'è abbastanza personale disposto a farsi vaccinare, in accordo con Roma, vengono anticipati gli over 80. L'obbiettivo è vaccinare entro la settimana il 60% delle dosi consegnate.


Ultimo aggiornamento: Martedì 12 Gennaio 2021, 15:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA