Vaccino, il farmacista che ha distrutto 500 dosi è negazionista e terrapiattista: «Per lui il Covid è un complotto»

Vaccino, il farmacista che ha distrutto 500 dosi è negazionista e terrapiattista: «Per lui il Covid è un complotto»

Qualche settimana fa la notizia aveva fatto scalpore: ben 500 dosi del vaccino Moderna erano andate distrutte dopo che un farmacista le aveva tirate fuori dal freezer in cui avrebbero dovuto rimanere per conservarsi a dovere. Una notizia preoccupante soprattutto perché in questa prima fase della campagna di vaccinazione le dosi scarseggiano per via di un calo di produzione da parte delle case farmaceutiche.

 

La storia veniva dagli Stati Uniti, precisamente da Grafton nel Wisconsin: e nelle ultime ore è emerso come il farmacista, che inizialmente aveva dato la colpa ad una fatalità, è in realtà un complottista e addirittura terrapiattista, convinto che i vaccini a MRNA (come quello di Moderna e quello di Pfizer) possano mutare il DNA delle persone. Una teoria in voga tra i complottisti americani che danno per vere le più svariate ipotesi che leggono online, spesso frutto delle più fervide immaginazioni.

 

La conferma, scrive il sito di debunking Bufale.net, viene direttamente dall’Fbi, che ha affermato che il farmacista fosse un negazionista del Covid, convinto che il virus sia un’invenzione dei poteri forti per manipolare il codice genetico tramite il vaccino.  Sui suoi dispositivi, tra cui il computer portatile, sarebbero poi state trovate numerose ricerche sia sui vaccini, sia sul sistema di tracciamento della temperatura usato nelle scatole di contenimento. Insomma l’uomo avrebbe cercato online come fare per distruggere centinaia di dosi, per poi dare la colpa a un incidente.

 

Il farmacista ha poi ammesso tutto e la sua confessione è stata rilasciata proprio dall’Fbi: in una mail l’uomo diceva di aver agito in due occasioni (il 19 e il 26 dicembre) perché animato da ricerche legittime. Inoltre è stato descritto come un soggetto fragile, conquistato da complottismo e dalla teoria sulla Terra piatta, e che assumeva psicofarmaci per controllare l’insonnia. Era inoltre convinto che il Covid fosse parte di un complotto che doveva togliergli la custodia dei figli.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 1 Febbraio 2021, 14:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA