I vaccini non possono causare il Covid. La precisazione dell'Iss: «Ecco come funzionano»

I vaccini non possono causare il Covid. La precisazione dell'Iss: «Ecco come funzionano»

I vaccini possono causare il Covid-19? La precisazione importante su una domanda che in tanti si fanno viene dall'Istituto superiore di sanità, con i ricercatori che pubblicano chiarimenti sul sito dell'istituto nella sezione dedicata alle Faq. E la risposta è chiara e netta: i vaccini non possono causare il Covid.

 

Leggi anche > I medici rifiutano il vaccino AstraZeneca: «Vogliamo Pfizer o Moderna»

 

«I vaccini ora in uso (Pfizer-Biontech, Moderna e Astrazeneca) non somministrano virus. Una eventuale malattia Covid-19 successiva sarebbe contratta indipendentemente dal vaccino», sottolineano i ricercatori. «I vaccini a Rna (Pfizer-Biontech e Moderna) inducono l'immunità fornendo a cellule umane esclusivamente le istruzioni per produrre un frammento del virus, la proteina Spike, che indurrà la produzione di anticorpi specifici verso il virus SARS-CoV-2».

 

«Con questi vaccini, quindi - spiega l'Iss - non viene somministrato alcun virus, né vivo né attenuato, e la sola proteina spike non può causare infezione o malattia. Nel caso di AstraZeneca il vettore virale introduce nelle cellule direttamente il frammento della proteina Spike che induce la reazione immunitaria, ma non l'intero virus, e non può quindi causare la malattia. Una eventuale malattia Covid-19 successiva alla vaccinazione, può essere quindi causata solo da una infezione naturale del virus, contratta indipendentemente dal vaccino».


Ultimo aggiornamento: Venerdì 12 Febbraio 2021, 11:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA