Quarantena covid, il governo a lavoro per reintrodurre l'indennità. Ecco cosa prevede

Quarantena covid, il governo a lavoro per reintrodurre l'indennità. Ecco cosa prevede

Una manovra da 800/900 milioni per far sì che la quarantena sia considerata una malattia e non gravi su lavoratori e imprese

Il governo vuole reintrodurre l'indennità per la quarantena da covid. Al ministero del Lavoro si parla di un finanziamento che si aggirerebbe attorno agli 800/900 milioni. Anche se al ministero dell'Economia e delle Finanze sono in corso le stime per quantifficare il costo della misura.

 

Leggi anche > Green pass, le regole dal 15 ottobre: obbligo a lavoro, stop stipendi a chi non ce l'ha. Nuove sanzioni per i trasgressori

 

Secondo quanto si apprende da Adnkronos, si sta cercando di chiudere il testo per poterlo approvare già in giornata, tornando così a garantire un sostegno a coloro che sono stati in contatto diretto con chi è risultato positivo al covid e, costretto in quarantena, non può lavorare in smart working

 

Il decreto ad hoc dovrebbe essere basato su due corsie, da un lato tutelare i dipendenti, dall'altro proteggere i fragili. 

Sulla questione si era già espresso più volte il ministro del Lavoro Andrea Orlando, parlando qualche giorno fa di una «norma in fase di lavorazione: avevamo segnalato la questione nell'ultimo scostamento purtroppo non si sono trovate tutte le risorse necessarie. Io credo che nel frattempo siano maturate le condizioni perché alcune risorse impegnate in altre direzioni possano essere utilizzate in questo senso. Credo che ci possa essere una risposta se tutto il governo sarà d'accordo abbiamo una valutazione assolutamente favorevole a consentire che la quarantena sia considerata una malattia e che non gravi sui lavoratori e sulle imprese».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Settembre 2021, 11:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA