Covid, l'Ema accelera per la pillola Merck: «A breve decisioni anche per l'Italia»

Covid, l'Ema accelera per la pillola Merck: «A breve decisioni anche per l'Italia»

L'Ema accelera per introdurre la pillola Merck sul mercato. Davanti all'aumento dei contagi da Covid-19, l'Agenzia europea del farmaco ha reso noto che «fornirà raccomandazioni a livello Ue nel più breve tempo possibile per aiutare le autorità nazionali a decidere sul possibile uso precoce» del medicinale anti Covid per via orale molnupiravir prodotto dalla Merck «ad esempio, in contesti di emergenza».

Leggi anche > Covid, un contagiato su quattro ha meno di 20 anni: è tra le fasce d'età meno coperte dal vaccino

Aifa e Ministero decideranno a breve

L'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e il Ministero della Salute tratteranno, secondo quanto si apprende, in brevissimo tempo l'utilizzo in via emergenziale del medicinale anti Covid per via orale molnupiravir prodotto dalla Merck. Sarà usata la medesima procedura già seguita con gli anticorpi monoclonali in febbraio. La decisione si avrà a breve, poichè l'Agenzia europea del farmaco (Ema) ritiene necessari «ulteriori orientamenti sui trattamenti per il Covid alla luce dell'aumento dei tassi di infezione e dei decessi».

La nota ufficiale dell'Ema

La strategia, fa sapere l'agenzia europea del farmaco, è stata concordata insieme ai capi delle agenzie per i medicinali nazionali. Per Ema e autorità nazionali, secondo quanto si legge in una nota, sono necessari «ulteriori orientamenti sui trattamenti per il COVID-19 alla luce dell'aumento dei tassi di infezione e dei decessi».

Leggi anche > Bollettino Covid di lunedì 8 novembre: 4.197 casi e 38 morti. Un anno fa furono dieci volte di più

L'Ema sta riesaminando i dati disponibili sull'uso del medicinale anti Covid «per sostenere le autorità nazionali che potrebbero decidere sull'uso di questo farmaco per il trattamento del Covid-19 prima della sua autorizzazione». Il molnupiravir è un medicinale antivirale orale sviluppato da Merck Sharp & Dohme in collaborazione con Ridgeback Biotherapeutics, ed è già stato autorizzato nel Regno Unito. Intanto prosegue l'esame dei dati in tempo reale in vista di una possibile domanda di autorizzazione all'immissione in commercio.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 8 Novembre 2021, 19:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA