Fusione Fca-Psa completa, è nata Stellantis: lunedi quotazione a Milano e Parigi, poi Wall Street
di Giorgio Ursicino

Fusione Fca-Psa completa, è nata Stellantis: lunedi quotazione a Milano e Parigi, poi Wall Street

Fca e Psa hanno annunciato che le fusione è completata, già lunedì sarà possibile acquistare le azioni del nuovo colosso Stellantis a Piazza Affari e alla borsa di Parigi e, dal giorno successivo, anche a Wall Street, la regina dei mercati finanziari. I tempi sono stati completamente rispettati. Anzi nell’ultimo periodo c’è stata addirittura un’accelerazione sui programmi che volevano il closing entro il primo trimestre. Invece il via libera dell’antitrust europeo prima di Natale ha consentito di convocare le assemblee degli azionisti delle due società il primo lunedì dell’anno è, avviato il pagamento della cedola straordinaria per gli azionisti di Fca di 2,9 miliardi, questa mattina Elkann e Tavares hanno dato ok all’annuncio ufficiale.

Fca e Psa, come realtà separate, non esistono più. Resta la cultura di due Gruppi con più di un secolo di storia che sarà la base e l’ossatura del nuovo colosso basato su due continenti e con una capacità produttiva di dieci milioni di veicoli l’anno. Un protagonista che potrà contare su 15 marchi fra i più prestigiosi e che ha l’obiettivo dichiarato di essere leader della nuova mobilità elettrificata.

Martedì il ceo Carlos Tavares che finora è rimasto con la bocca cucita parlerà al mondo e si sottoporrà alle domande degli analisti. Indicherà la linee guida e la filosofia del nuovo costruttore. Per il piano industriale sul quale sta lavorando da tempo serviranno ancora alcuni mesi vistala complessità dello scenario. La Exor, intanto, la holding presieduta da John Elkann con cui la famiglia Agnelli è il principale azionista di Stellantis, ha fatto sapere di detenere 449.410.092 di azione della newco corrispondenti al 14,4% del capitale.


Ultimo aggiornamento: Martedì 19 Gennaio 2021, 10:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA