Perugia, riapre ai visitatori la città sotterranea: la discesa nella storia
di Silvia Natella

Perugia, riapre ai visitatori la città sotterranea: la discesa nella storia

Perugia regala molte prospettive ai turisti ed è nota, tra le tante cose, per le sue salite e i suoi belvedere. Chi, invece, vuole intraprendere letteralmente una “discesa” nella storia non può perdere una visita alla Città Sotterranea del capoluogo della Regione Umbria, che ha riaperto al pubblico in questi giorni. Tra emozione e stupore avventurarsi per 15 metri al di sotto dell’ingresso nel Museo del Capitolo di San Lorenzo, adiacente l'omonima Cattedrale, equivale a viaggiare nei secoli. Sono perfettamente visibili, infatti, le stratificazioni delle costruzioni realizzate in epoche diverse.

 

Leggi anche > Cosa vedere al Lago Trasimeno e nei borghi umbri: l’itinerario tra castelli, enogastronomia e natura

 

Una dimensione nascosta e silenziosa sotto il mondo reale a cui si accede dal cortile del chiostro settecentesco della Cattedrale. Si scende gradualmente tra luci soffuse e pietre che sembrano spiegare e raccontare tempi lontani. Durante il percorso ci si imbatterà in varie sale medievali e in una casa romana con annessa un’autentica strada. Si può camminare sul basolato solcato e segnato per sempre dalle ruote dei carri in ambedue le direzioni e ci si può trovare davanti a imponenti mura etrusche.

 

 

Qui sorgeva il tempio forse dedicato a Giunone-Era (in etrusco Uni). Più si procede verso il basso e più si va indietro nel tempo. Tesori sotterranei e un’eredità storica da scoprire attraverso i sedimenti che si sono accumulati nei secoli. Alla fine della visita si può salire in cima alla terrazza panoramica per godersi la prospettiva dall’alto e uno splendido scorcio della Fontana Maggiore su piazza IV Novembre. 

Sempre a Perugia e per tutta l’estate, nell’anno del settecentenario della sua scomparsa, si raccomanda una visita alla mostra “Dante a Portasole”, nella Biblioteca Augusta, dove è possibile ammirare antichi manoscritti della Divina Commedia e rappresentazioni “pop” del padre della lingua italiana.

 


Ultimo aggiornamento: Martedì 22 Giugno 2021, 13:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA