Arriva il caldo africano:  le 8 regole d’oro del medico per non rischiare un colpo di calore

Arriva il caldo africano: le 8 regole d’oro del medico per non rischiare un colpo di calore

Bevande, alimenti e indumenti anti-colpo di calore: il vademecum di Consulcesi Club, in collaborazione con la dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, per la sicurezza di bambini e adulti. Quali sono i sintomi del colpo di calore e come prevenirlo? Ecco i segnali da non sottovalutare
Temperature fino a 40° per le masse d’aria sahariane: fino a venerdì saranno giorni di fuoco per tutte le città italiane. Come difendersi da questa nuova ondata di calore? La rete è piena di “consigli fai da te” e pseudo-guide per non incorrere in pericolosi colpi di calore ma quando è in gioco la salute è sempre meglio fidarsi solo del parere dei medici. E Consulcesi Club, insieme alla dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista, ha sintetizzato in poche semplici regole gli accorgimenti da seguire per godersi il relax in spiaggia o affrontare le incombenze lavorative in città in tutta sicurezza. Ma prima di tutto, come si riconosce un colpo di calore? Quali sono i sintomi? Perdita di conoscenza, vomito, mal di testa e vertigini sono tutte avvisaglie da non sottovalutare. Così come tachicardia e una pelle rossa, calda e secca, senza sudorazione. Per evitare di star male però meglio seguire queste regole.



1. TENERE SOTTO CONTROLLO L’IDRATAZIONE - È importante rimanere idratati, aggiungendo all'acqua succo di limone e menta fresca, per il reintegro dei sali minerali (35-40 cc di acqua per chilo corporeo). Per rinfrescarsi e combattere al tempo stesso la cellulite, è utile un gustoso drink drenante all’anguria e menta: per 2 persone basta frullare 400 grammi di anguria, il succo di un limone, 5-6 foglioline di menta fresca e 200 ml di acqua.

2. SUCCHI DI FRUTTA CONFEZIONATI? MEGLIO DI NO - Per quanto allettanti, i succhi di frutta confezionati sono troppo concentrati rispetto alla quantità di liquidi che abbiamo all'interno del nostro corpo e possono farci disidratare ulteriormente creandoci problemi gastro-intestinali. Se proprio vogliamo berli, è bene diluirli con acqua e mai freddi.

3. EVITARE FIBRE SINTETICHE. Evitare abiti in fibre sintetiche, poliestere e nylon e prediligere abiti in cotone e lino, ma anche la viscosa, che lasciano traspirare meglio la nostra pelle e non fanno aumentare la temperatura corporea.

4. TESTA SEMPRE PROTETTA CON UN CAPPELLO BAGNATO - Il miglior modo per proteggere la testa è quello di bagnare un cappello di cotone con la tesa rigida che sarà indossato proprio in occasione di camminate sotto il sole o se ci si espone in spiaggia.

5. ARGINARE LA FAME CON SPUNTINI, VIETATE LE ABBUFFATE - Contro i sintomi di insolazione e colpo di calore è utile mangiare poco e spesso. È bene non abbuffarsi perché la digestione diventa impegnativa e quindi richiama più sangue all'interno dell'apparato digerente privandone gli altri organi, compreso il cervello.

6. PERICOLO CIBI FREDDI - La tentazione di refrigerarsi con alimenti e bevande a bassissime temperature è inevitabile con il caldo, ma può rivelarsi molto pericolosa. Questo non significa che non possiamo mangiare il gelato, ma che lo dobbiamo stemperare in bocca prima di deglutire per evitare uno shock termico.

7. FRUTTA E VERDURA AI BAMBINI - L’estate rappresenta per i più piccoli il momento del distacco dalla scuola, delle giornate al mare, dei giochi all’aperto, ma è anche la stagione in cui, a causa del caldo e dell’afa, i genitori devono prestare particolare attenzione al loro benessere e alla loro idratazione. È importante, quindi, evitare di esporli al sole e fargli praticare attività fisica o sportiva nelle ore più calde; bagnargli spesso la testa e rinfrescare tutto il corpo, senza dimenticare di aumentare l'apporto idrico per reintegrare i liquidi persi tramite la sudorazione, privilegiando un’alimentazione ricca di frutta e verdura mai freddi di frigorifero.

8. NO SFORZI ECCESSIVI E RIPETUTI SOTTO IL SOLE E AL CALDO – Pena l’aumento della temperatura con il rischio di colpi di calore. Privilegiare ambienti climatizzati e ventilati. Evitare corse estenuanti sotto il sole.
La dottoressa Serena Missori è membro del Comitato Scientifico del provider ECM 2506 Sanità in- Formazione e responsabile di numerosi corsi FAD (Formazione a Distanza) tra cui: “Alimentazione Anticellulite – Gusto è Salute”; “Antiaging: Diagnostica e strategie alimentari e integrative”; “Il cervello addominale – Food for thought”, realizzati in partnership con Consulcesi Club 
Martedì 23 Luglio 2019, 17:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA