Real Academia de España en Roma: in mostra gli artisti residenti con "Processi 147"
di Ida Di Grazia

Real Academia de España en Roma: in mostra gli artisti residenti con "Processi 147"

Real Academia de España en Roma: in mostra gli artisti residenti con "Processi 147". Si rinnova il consueto appuntamento del mese di giugno con la mostra dei borsisti della Real Academia de España en Roma che prosegue la stagione espositiva, mai interrotta anche durante il lungo periodo di lockdown che li ha visti presentare i loro lavori sui social con il progetto Finestre Aperte, mostra finale dei borsisti 2019/2020 che apre oggi giovedì 25 giugno.

leggi anche > Francesca Baraghini, da Sky al debutto al Tg8: «Prima di me c'è sempre la notizia ma allo stadio divento camalla»



Gli artisti residenti, 22 in tutto, spagnoli, latinoamericani e italiani, sono i vincitori dell'annuale concorso indetto dal Ministero degli Affari Esteri spagnolo e sono stati chiamati a realizzare un progetto dedicato all’Italia ed in particolare alla città che li ospita. Roma rimane sempre al centro della loro ricerca artistica, che quest’anno spazia dall’archeologia alla musica, dalla fotografia al cinema, dalla letteratura alla moda, dall’arte figurativa alle performance, mettendo in mostra tutta la loro creatività. La Real Academia de España di Roma, 147 anni dopo la sua istituzione, continua a rinnovarsi come centro di produzione artistica e di conoscenza. Dal 1873, anno della sua nascita, sono stati 988 i borsisti che hanno vissuto a Roma, dando vita durante il loro soggiorno nella città ad importanti progetti e consolidando sempre più il ruolo dell’Accademia come centro di cultura spagnola all’estero. 
La mostra rappresenta anche l’opportunità di visitare un complesso monumentale solitamente chiuso al pubblico, con i suoi grandi tesori nascosti, come il Tempietto del Bramante, il salone dei ritratti e la sala da pranzo del piano nobile.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 25 Giugno 2020, 17:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA