Catturato e ucciso "Stripe", lo scoiattolo incubo: ha terrorizzato 18 persone in due giorni

È stato consegnato alla Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals

Catturato e ucciso "Stripe", lo scoiattolo incubo: ecco cosa ha combinato

di Remo Sabatini

Era diventato un incubo quello scoiattolo. Se non fosse tutto drammaticamente vero, si sarebbe potuto pensare ad una burla oppure a qualche storiella da pub all'ora di chiusura. E invece no. Si perché il protagonista di questa incredibile vicenda che arriva dal Galles, in soli due giorni avrebbe terrorizzato e attaccato ben diciotto persone prendendole a morsi. Anzi, a morsetti. Perché chi ha fatto perdere il sonno ad alcuni abitanti di Buckley, cittadina di quasi 20mila anime della Contea di Flintshire, al confine con l'Inghilterra, non è una pantera scappata dal circo e nemmeno Jack lo squartatore ma uno scoiattolo.

Uno scoiattolo? Sì, uno scoiattolo, grigio per essere esatti, tale e quale a quelli disegnati nelle favole d'oltreoceano, il grigio è originario del nord America. Tutto era iniziato quando, pochissimi giorni fa, sulla pagina social della cittadina, The Buckley Residents, qualcuno aveva iniziato a postare strane storie di scoiattoli e morsi.

Come quella condivisa da tale Nicola Crowthwer che aveva messo in guardia il gruppo: «Attenzione, aveva scritto, un malvagio scoiattolo attacca e morde. Ha morso me, attaccato il mio amico,  morso il mio vicino e diverse altre persone».

E poi ancora: «Ha attaccato anche due gatti». In un attimo, la notizia dello scoiattolo assalitore aveva fatto il giro della città. Tanto che il piccoletto era stato persino ribattezzato Stripe, come il terribile co protagonista del film Gremlins. A quel punto, delle imprese di Stripe era venuta a conoscenza anche Corinne Elizabeth Reynolds, anziana signora che conosceva bene lo scoiattolino che da mesi veniva a trovarla nel suo giardino. Da qui, l'inizio del tragico epilogo. L'anziana, infatti, preoccupata che lo scoiattolo possa mordere ancora, probabilmente per salvaguardare anche l'animale, decide di catturarlo. 

L'impresa riesce, così come la consegna alla RSPCA, la Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals che però non può fare altro che sopprimerlo. La legge di quel Paese, dal 2019 vieta il rilascio in natura dello scoiattolo grigio reo di attentare al futuro di quello autoctono, lo scoiattolo rosso. Certo, si potrà obiettare, ci si poteva augurare un finale diverso. Magari sarebbe potuto finire in un rifugio piuttosto che al cimitero. Indubbio ma anche le favole, talvolta, non hanno un lieto fine.

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 30 Dicembre 2021, 16:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA