Maiale morto di infarto in Superstrada inseguito dalla polizia locale: era fuggito da una masseria

di Michele IURLARO
Fugge dal suo allevamento, ma muore di infarto in superstrada. Correva a perdifiato sulla Statale 7 in direzione Brindisi lo sfortunato maiale inseguito, per qualche chilometro, dalla polizia locale e dai vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla Fontana.



Correva così tanto che, alla fine, è morto di infarto, rendendo vano il soccorso delle forze dell’ordine. I fatti nel tardo pomeriggio di sabato: il maiale, rosa con pezzature marroni, era stato avvistato da alcuni automobilisti che avevano lanciato l’allarme. Sul posto, gli uomini del 115 e gli agenti di polizia locale, ma anche un cellulare della Questura.

Tutti dietro al suino che, da Francavilla Nord, ha raggiunto l’uscita di Francavilla Centro, per poi accasciarsi sul ciglio della strada. Il suo cuore aveva smesso di battere, forse per paura. Forse per lo stress. Per fortuna, non vi sono stati incidenti causati dalla presenza dell’animale, evidentemente scappato da qualche masseria vicina. 
La carcassa del povero suino è stata poi consegnata al personale della Asl di Brindisi, per lo smaltimento previsto dalla legge. Un episodio curioso, con un esito che ha intristito anche i poliziotti e i pompieri intervenuti, ma meno improbabile e assurdo di quanto si possa pensare. Sono tante le masserie della zona impegnate nell’allevamento di suini. Tanti, pure, gli animali allevati nelle campagne da comuni cittadini. Probabile che il suino sia sfuggito proprio alle attenzioni di qualche contradaiolo.

L’animale, infatti, era privo di marchi di riconoscimento. Neppure, nessuno ne aveva denunciato la scomparsa o contattato il centralino per segnalarne la fuga. Le indagini degli agenti, che hanno contattato le aziende del posto, non hanno portato ad alcuni risultato. L’intervento di sabato pomeriggio, per altro, ha richiesto un impiego di agenti piuttosto importante. La presenza, invero insolita, dell’animale sulla statale avrebbe potuto spaventare gli automobilisti o, addirittura, provocare sinistri e incidenti. Purtroppo, dopo essere stato raggiunto a margine di una fuga di qualche chilometro, lo sfortunato maiale, dal peso di circa 100 chilogrammi, si è accasciato sull’asfalto, a ridosso del guard rail, senza più vita. 

 
 

Per il personale Asl, sul posto dopo la richiesta lanciata dal comando di polizia locale, è probabile che si sia trattato di un infarto, un malore relativamente frequente e comune nei suini. Specie in situazioni di particolare stress emotivo dovute al trasporto, alla movimentazione o, come nell’episodio registrato sabato, ad una corsa di circa 3 chilometri sulla Statale 7 che collega Taranto a Brindisi.
Secondo quanto ricostruito, il maiale, avvistato a ridosso dell’uscita Francavilla Nord, correva in direzione Brindisi. L’inseguimento si è appunto concluso a ridosso dell’uscita successiva, Francavilla Centro. Il suino avrebbe quindi coperto una distanza di circa 3 chilometri. Troppo per il suo cuore che ha smesso di battere prima che il personale dei vigili del fuoco e della polizia locale potesse fare qualcosa per salvare la vita del povero e coraggioso animale che, chissà, magari correva in cerca della libertà. 

Lunedì 18 Novembre 2019, 19:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA