«C'è un leopardo nascosto, trovalo»: la foto che fa impazzire gli utenti di tutto il mondo

«C'è un leopardo nascosto, trovalo»: la foto che fa impazzire gli utenti di tutto il mondo

Tra illusioni ottiche e diverse percezioni cromatiche, sul web sono piuttosto comuni le foto capaci di far impazzire gli utenti. L'ultima, in ordine cronologico, mostra un paesaggio rurale, in cui si è nascosto un animale, nello specifico un leopardo. Il felino, nonostante le grandi dimensioni (la lunghezza media del corpo, coda esclusa, è di un metro ed il peso può variare dai 40 agli 80 kg a seconda del sesso e della razza), è praticamente introvabile.

Leggi anche > Illusione ottica: la foto che vedete è in bianco e nero o a colori?



In moltissimi sono andati letteralmente in tilt dopo che un'utente, Bella Lack, ha postato la foto divenuta virale su Twitter. «Mi hanno mandato questa e mi hanno chiesto di trovare il leopardo. Ero convinta fosse uno scherzo... fino a quando ho trovato il leopardo. Riuscite a individuarlo?», si legge nella didascalia del tweet.
Nello scatto si vede un albero in primo piano, con una sorta di fossato scavato nella terra, sullo sfondo. Qualcuno è riuscito a trovare il leopardo, ma stando a quanto scritto dagli utenti su Twitter si tratta davvero di un'esigua minoranza.
 

La maggior parte degli utenti, infatti, ha cercato disperatamente di trovare il leopardo, ma senza successo, ed i meno orgogliosi si sono affrettati a chiedere aiuto tra le varie risposte al tweet fotografico diventato virale. C'è chi non è riuscito a trovare il leopardo neanche provando a 'zoomare' la foto, anche se il segreto per risolvere l'enigma visivo è proprio lì.



Ingrandendo la foto, infatti, gli occhi migliori potranno scoprire che l'introvabile felino esiste eccome nello scatto, anche se decisamente ben mimetizzato nell'ambiente circostante. "Mistero" risolto, mentre il tweet in neanche tre giorni ha superato i 10mila 'like' e ottenuto quasi duemila commenti (oltre a più di 3500 retweet).
Lunedì 30 Settembre 2019, 22:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA