Tentano di impiccare un cucciolo al cartello della stazione, ragazzini fermati all'ultimo momento
di Remo Sabatini

Tentano di impiccare un cucciolo randagio al cartello della stazione, ragazzini fermati all'ultimo momento

Quello che è accaduto ieri a Gela ha dell'incredibile. Un episodio terribile che soltanto per un caso, non si è tradotto in tragedia. Siamo alla stazione ferroviaria della cittadina della provincia di Caltanissetta. L'area è deserta e i capannoni abbandonati della stazione sono fatiscenti e ormai frequentati soltanto da balordi. O quasi. Sì perché quel giorno, qualcuno ha deciso di trastullarsi facendo un giro tra quegli ambienti ormai in disuso e pieni di immondizia. Sono tre ragazzini che, evidentemente annoiati, vogliono dare un senso alla loro giornata. Hanno adocchiato un cane e in un attimo, ecco l'idea.

 

Il salvataggio

Così, recuperata una corda, si danno da fare per farci un cappio. Vogliono prendere quel cucciolo di pitbull, infilargli il cappio al collo e impiccarlo al cartellone della stazione proprio a fianco ai binari. "Sai che spettacolo quando arriva il treno?" devono aver pensato. Sono quasi pronti ma all'ultimo minuto qualcosa va storto. Dalle palazzine che insistono a pochi metri dai capannoni della stazione, una signora che per puro caso in quel momento è sul balcone, si accorge dei tre e delle loro intenzioni e chiede aiuto. A quel punto, scoperti, i tre piccoli balordi lasciano il cane e la corda per darsela a gambe prima dell'arrivo dei volontari animalisti tra i quali Giulia Cassaro che ha ripreso e diffuso sui social le drammatiche immagini che pubblichiamo. E il cucciolo? Salvo per un pelo e terrorizzato, è stato preso in cura dai volontari dell'associazione Vita Randagia Onlus.


Ultimo aggiornamento: Domenica 21 Marzo 2021, 16:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA