"Almeno 30 gatti uccisi a fucilate a Montereale", animalisti indignati ma la realtà è un'altra

"Almeno 30 gatti uccisi a fucilate a Montereale", animalisti indignati ma la realtà è un'altra

Nei giorni scorsi, su alcuni siti locali, era stata diffusa la notizia di due ragazzini che avrebbero ucciso a fucilate oltre 30 gatti in località Colle Calvo, frazione del comune di Montereale (L'Aquila). Tutto era partito da un post su Facebook diffuso da C.A., giornalista e comunicatrice abruzzese: "Due ragazzi hanno ucciso almeno 30 gatti a colpi di fucile, dobbiamo far giungere questa notizia a tutte le testate giornalistiche e televisive, dobbiamo scatenare un'apocalisse mai vista prima e organizzare una manifestazione di protesta nel paese dello sterminio!".




LEGGI ANCHE ---> "Musulmani contro il Natale", tutti indignati e la pagina viene chiusa: ma la realtà non è ciò che sembra

LEGGI ANCHE ---> Metà gatto, metà neonato. Creatura in Malesia spaventa il web, ma la realtà è un'altra


Una notizia del genere lascerebbe sotto choc chiunque e non poteva non indignare gli animalisti, che avevano annunciato anche di essere pronti a mobilitarsi. Dopo qualche giorno, però, la verità è venuta a galla: si tratta di una bufala colossale. I primi dubbi erano venuti al portale specializzato Bufale.net, che pur non essendo in grado di stabilire con certezza l'attendibilità della notizia, aveva comunque sottolineato che la foto choc del post incriminato risaliva ad un altro episodio di violenza sugli animali, un caso di avvelenamento di cani e gatti avvenuto quasi sei anni fa in Svizzera, nel Canton Ticino (qui riportata da VareseNews.it).





Dopo qualche giorno è giunta la conferma: quella notizia è assolutamente falsa ed è servita solo a provocare rabbia e indignazione tra gli animalisti. Il sindaco di Montereale, Massimiliano Giorgi, riportato da AbruzzoWeb.it, ha dichiarato: «Nessun gatto è stato ucciso a fucilate e nessuna denuncia è giunta ai carabinieri, c'è stato solo un caso di due ragazzini che hanno sparato con pistole ad aria compressa. Un gesto deprecabile, ma i gatti stanno bene: lo confermano anche i carabinieri della Forestale che hanno indagato sull'episodio e una persona che si occupa di accudire i gatti a Colle Calvo».

LEGGI ANCHE ---> Terremoto, un abitante di Montereale: "Tre scosse violentissime, siamo bloccati dalla neve"

LEGGI ANCHE ---> Terremoto, Bruno dorme in una roulotte per la paura e muore a 52 anni per il freddo
Ultimo aggiornamento: Mercoledì 22 Novembre 2017, 11:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA