Sos caprioli al Wwf di Vanzago: accarezzati dall'uomo, la mamma non li ha più riconosciuti
di Simona Romanò

Sos caprioli al Wwf di Vanzago: la mamma non li ha più riconosciuti

Quattro piccoli caprioli teneri e bellissimi sono ora al Centro recupero animali salvatici (Cras) di Vanzago, alle porte di Milano. Ma nessuno di loro dovrebbe trovarsi nella struttura, perché non sono orfani. Un fatale errore umano, compiuto in buona fede, li ha però allontanati dalla loro madre.

 

Cos’è accaduto? La mamma si allontana, ma non abbandona mai i suoi piccoli: torna sempre per allattarli. Se però un essere umano li accarezza non li riconosce più, perché sente un odore diverso. È ciò che è accaduto ai quattro Bambi ora accuditi dagli operatori del WWF di Vanzago. «I piccoli di capriolo in salute non vanno assolutamente toccati o spostati: questo potrebbe causare l'abbandono del cucciolo da parte della madre, a causa del nostro odore», dicono gli esperti. «Se toccati accidentalmente, si possono strofinare con delicatezza con terra, foglie secche e muschio, per camuffare il nostro odore». Ora i quattro caprioli cresceranno al Cras, ma non si può fare a meno di pensare che sarebbero cresciuto in natura, con la loro mamma, senza l'intervento umano sbagliato.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 16 Giugno 2021, 18:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA