Cagnolino cosparso di acido muore dopo giorni di agonia: è caccia ai responsabili

Un cane, dopo aver vagato per le vie di Mondragone, un piccolo comune in provincia di Caserta, è riuscito a fatica a tornare a casa ma col corpo completamente bruciato dall'acido. Dopo giorni di agonia l'animale è morto. Sull’ennesimo episodio di maltrattamento sugli animali è intervenuto il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli: «Restiamo profondamente amareggiati – ha dichiarato – dinanzi alla notizia del cagnolino che ha perso la vita a Mondragone dopo alcuni giorni di agonia dovuti alle bruciature provocate dall’acido che qualche delinquente gli aveva riversato sul pelo».
 




«Nonostante l’intervento di un veterinario – ha continuato Borrelli – non c’è stato nulla da fare. Purtroppo, ancora una volta, abbiamo a che fare con atti disumani e intollerabili. Quanto accaduto è sintomatico di una deriva di inciviltà e violenza nei confronti degli animali. Dal povero coniglio Roger, lapidato a Lacco Ameno, al gattino sottoposto allo stesso orrendo destino a Volla, sono sempre di più i casi di brutalità di questo tipo. Un modo fare vergognosa aggravato dalla gratuità delle violenze alle quali vengono sottoposti le vittime innocenti dell’imbecillità umana».
Martedì 10 Settembre 2019, 21:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA