Singapore, pannelli solari galleggianti in mezzo al mare per combattere il cambiamento climatico

Singapore, pannelli solari galleggianti in mezzo al mare per combattere il cambiamento climatico

Singapore si muove per ridurre le emissioni di gas serra della città-stato e combattere il cambiamento climatico. Il progetto è un "oceano" di pannelli solari luccicanti costruiti al largo della costa settentrionale del Paese. Secondo un rapporto di Afp la costruzione del parco solare vedrà 13mila pannelli solari disposti in mezzo al mare nello stretto di Johor e avrà la capacità di produrre fino a cinque megawatt di elettricità. 

 

I pannelli solari possono fornire energia sufficiente per alimentare almeno 1.400 appartamenti residenziali tutto l'anno. Shawn Tan, vicepresidente dell'ingegneria del Sunseap Group, la società di Singapore incaricata di realizzare il progetto, ha detto all'Afp che il mare ha presentato una soluzione per un Paese con spazio limitato sulla terraferma per la produzione di energia rinnovabile.

 

«Il mare è una nuova frontiera per l'installazione solare», ha dichiarato Tan. «Dopo aver esaurito i tetti e la terra disponibile, che è molto scarsa, il prossimo grande potenziale è in realtà la nostra area idrica», ha affermato Jen Tan, vicepresidente senior e responsabile del Sunseap Gruop nel sud-est asiatico presso Sembcorp Industries, un'azienda che lavora su un'altro progetto solare per Singapore. 

 

Il nuovo sforzo arriva mentre Singapore cerca di raggiungere il suo record come uno dei maggiori emettitori di anidride carbonica pro capite dell'Asia. Con uno spazio limitato, insieme alla mancanza di opzioni per l'energia idroelettrica ed eolica, Singapore ha dovuto affrontare sfide logistiche nella spinta verso l'energia rinnovabile. I gruppi di difesa ambientale hanno a lungo accusato il Paese di non essere riuscito a fare abbastanza per affrontare il cambiamento climatico, anche se l'innalzamento del livello del mare è diventato una minaccia crescente per il futuro.

 

Nella sua analisi Climate Action Tracker (CAT) ha affermato che mentre Singapore ha rafforzato i suoi sforzi per combattere il cambiamento climatico, i suoi obiettivi per il 2020 e il 2030 sono ritenuti "deboli". «Singapore ha aggiornato il suo obiettivo per il 2030 nel marzo 2020, ma l'obiettivo non è un aumento dell'azione per il clima, contrariamente al requisito dell'accordo di Parigi per aumentarlo», afferma CAT sul suo sito web.

 

 


Ultimo aggiornamento: Domenica 7 Marzo 2021, 21:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA