Pettirossi, migliaia catturati e uccisi per la "polenta con osei"
di Remo Sabatini

Pettirossi, migliaia catturati e uccisi per la "polenta con osei"

Pochi animali ispirano tenerezza come il pettirosso. Così piccolo e fragile, viene a svernare nel nostro Paese dopo un volo di centinaia di chilometri in cerca di riparo e qualche briciola di pane. Specie protetta dalla Direttiva Uccelli, il pettirosso non dovrebbe essere cacciato. Eppure, di stagione in stagione, gli esemplari catturati, sparati e uccisi, non si contano più. Migliaia e migliaia di esemplari che, spesso, invece di un riparo sicuro, finiscono per diventare l'ingrediente principale di uno dei tradizionali piatti del nord del Paese come la "polenta con osei".

Spigola di 8,4 kg pescata a Fiumicino: su Facebook la commovente dedica di Frankie Baroni al papà scomparso

Così, in barba a leggi e regolamenti e divieti, anche il tenero pettirosso rischia di finire nella lista nera delle specie a rischio estinzione, insieme a quel canto che lo costraddistingue e che fa così tanto Natale. «Quando sentite cantare un pettirosso, scrive in un comunicato affidato ai social il Centro Fauna Selvatica Il Pettirosso che ha diffuso le immagini che pubblichiamo, ricordatevi anche di loro. Di quelle migliaia di pettirossi che non potranno più farlo per colpa della vigliaccheria dell'essere umano».
Venerdì 1 Novembre 2019, 23:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA