Il "ghiacciaio del giorno del giudizio" si sta per staccare, lo studio che terrorizza gli scienziati: «Alzerà il livello del mare entro tre anni»

Secondo la Nasa il ghiacciaio «aumenterebbe il livello del mare globale di 5 metri»

Il "ghiacciaio del giorno del giudizio" si sta per staccare, lo studio che terrorizza gli scienziati: «Alzerà il livello del mare entro tre anni»

Il ghiacciaio Thwaites, meglio noto come "ghiacciaio del giorno del giudizio", potrebbe presto staccarsi creando disastri ambientali incalcolabili. Secondo uno studio pubblicato su Nature Geoscience, ormai la calotta sarebbe «appesa per le unghie» a causa del surriscaldamento globale. Robert Larter, un geofisico marino coautore dello studio, ha spiegato che «dovremmo aspettarci di vedere grandi cambiamenti su piccole scale temporali in futuro, anche da un anno all'altro», le sue parole riportate dal New York Post. 

Bambino di 3 mesi smette di respirare durante il volo, un'infermiera tra i passeggeri lo salva con un massaggio toracico

 

Surriscaldamento, cosa succede

Il ghiacciaio Thwaites dell'Antartide occidentale ha all'incirca le dimensioni della Florida e potrebbe potenzialmente aumentare il livello del mare se dovesse cadere nell'oceano, cosa che gli scienziati hanno previsto potrebbe accadere entro i prossimi tre anni. La Nasa ha affermato che la regione del Mare di Amundsen, che è «solo una frazione dell'intera calotta glaciale dell'Antartide occidentale», «aumenterebbe il livello del mare globale di 5 metri». Secondo Alastair Graham, autore principale dello studio i ricercatori hanno monitorato la recessione del ghiacciaio «fino alla metà del XX secolo» e hanno registrato un tasso di disintegrazione quasi del doppio rispetto all'ultimo decennio.

 

La missione per salvare il ghiacciaio

All'inizio di quest'anno, un gruppo internazionale di scienziati ha tentato di studiare il ghiacciaio nel tentativo di aiutare a fermare l'erosione. Tuttavia, il gruppo è stato ostacolato da un pezzo di ghiaccio della calotta che si sta ritirando. Graham ha affermato che «è stata davvero una missione irripetibile» e spera che il team possa tornare presto sul ghiacciaio, poiché gli scienziati credevano che l'erosione stesse avanzando a un ritmo più lento prima che lo studio fosse pubblicato. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 10 Settembre 2022, 19:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA