Panettoni chef stellati, da Iginio Massari a Antonino Cannavacciuolo: prezzi e ingredienti delle ricette 2021

Dalla ricetta Albicocche, caffè e fava di Tonka di Alajamo alla proposta di Antonino Cannavacciuolo. Il panettone rimane il re indiscusso delle tavole natalizie

Video

È il re indiscusso delle tavole natalizie di tutta Italia ed è sempre più richiesto anche all'estero. Sua maestà il panettone secondo l'Osservatorio Sigep dedicato al Natale 2021 ha coperto nel nostro Paese lo scorso anno  il 52% del mercato dei dolci natalizi per un valore di 109 milioni di euro. «Una ricetta - afferma il maestro pasticcere Iginio Massari interpellato dal Sigep - che ha conquistato il mondo. Dalla cultura locale lombarda, il panettone è riuscito a migrare in tutte le regioni d'Italia fino al resto del globo, diffondendo la qualità della nostra artigianalità. Uvetta e canditi decorano il panettone di Milano e rendono il profumo di ogni fetta unica e riconoscibile in tutto il mondo». 

Panettoni stellati del Natale 2021

Dalla ricetta tradizionale a quelle più innovative, anche nel 2021 i panettoni degli chef stellati coniugano storicità e sperimentazione, conquistando i palati di tutto il mondo. «Questo dolce - sostiene Claudio Gatti, presidente dell'Accademia Maestri del Lievito Madre e del Panettone - vede richieste in forte rialzo rispetto agli anni scorsi, anche dall'estero. In Europa, soprattutto in Francia e Svizzera, ma anche sul mercato asiatico: Cina, Hong Kong, Singapore. Una tendenza all'acquisto di qualità da piccoli artigiani italiani». 

Torrone a dieta? Ecco quanto mangiarne per non ingrassare

Igino Massari

Una delle creazioni più celebri dell'Alta Pasticceria del maestro Massari è acquistabile a 40 euro. Il Re dei lievitati è caratterizzato da una complessa lavorazione che prevede quattro lievitazioni a tempo e temperatura controllati, le quali ne accrescono notevolmente la morbidezza, e due impasti, per un totale di 62 ore.

All’interno, la perfetta alveolatura racchiude preziosi cubetti di arancia candita calabrese e uvetta Sei Corone, che accompagnano e arricchiscono i sentori aromatici del burro e della vaniglia. A completare l'opera una  glassa all’amaretto, realizzata con mandorle e nocciole in polvere e resa ancora più golosa da un tocco di cacao, ne ricopre la sommità, intrappolando mandorle grezze e granella di zucchero.

Massimiliano Alajmo, Albicocche, caffè e fava di Tonka

Albicocche, caffè e fava di Tonka, è questo il gusto dell’anno di Massimiliano Alajmo, ma anche l’Arlecchino con canditi ed extravergine, il Marrakech alle spezie, il Moro di Venezia con cioccolato e marasche, il Pan d’oro, il Mediterraneo con olive, capperi e peperoncino candito, disponibile in formato da 2 chili, come pure Albicocche e caffè.  Il prezzo della ricetta dello chef per 750 g va dai 38 ai 40 euro, 100 per i formati magnum.

Baldessari, il "Panettone psico-attivo"

Quest’anno è al gusto cardamomo la ricetta di Giuliano Baldessari che ripropone il suo concetto di “Panettone psico-attivo”, che stimola sensazioni di benessere agendo sui meccanismi cerebrali e crea infine dipendenza. «Quindi solo le donne si possono avvicinare. In un certo senso è il Panettone delle donne. Io lo abbino allo Champagne, ma anche ad una bella birra belga a fermentazione spontanea». Il suo prezzo e di 30 euro.

Il panettone di Paolo Barrale 

Sarà con una fetta di Panettone che Paolo Barrale, acquistabile al prezzo di 36 euro, si evolve ad ogni Natale. «Come tutti gli anni, le ricette cambiano perché ci si evolve, sappiamo comunicare meglio con il lievito madre e la farina. E parliamo anche in dialetto con un Panettone in edizione limitatissima profumato con il pisto napoletano dei mostaccioli, arricchito di cioccolato Valrhona e arancia candita siciliana. È il Panettone Aria, in pezzatura da 500 grammi. Poi ci sono il classico, il pandolce al Marsala e pasta di agrumi con crema spalmabile al pistacchio, il tè matcha e cioccolato al lampone e per chi ha il dente salato il pan rustico, lievitato con salumi e formaggi della tradizione campana». 

Antonino Cannavacciuolo, limoncello, pere e cioccolato

Il panettone dello chef Antonino Cannavacciuolo è disponibile nel gusto classico, limoncello, pere e cioccolato, da quest’anno anche cioccolato e caffè. Si acquista online ad un prezzo fra 39 e 55 euro.

 

Niko Romito, gusto classico o al cioccolato

Anche quest’anno tra i protagonisti delle feste c'è il Panettone di Niko Romito. Disponibile in due gusti, classico o al cioccolato, sempre con arancia candita bio, monta grazie al lievito madre derivato dalle uve del vigneto di Casadonna, particolarmente soffice grazie all’emulsione di mandorla biologica siciliana. la cura del suo processo produttivo lo porta sul mercato con un prezzo di 55 euro.

Ciccio Sultano, panettoni lasciati riposare 72 ore

Il panettone di Ciccio Sulatano sarà tradizionale, ma con limone candito e al cioccolato con mandorle e nocciole per un prezzo rispettivamente di 37 e 39 euro. In produzione anche l'edizione speciale con Amaro Amara, arance rosse candite e mandorle, a 80 euro. «I Panettoni di Ciccio Sultano saranno gli stessi dell’anno scorso, perché un prodotto riuscito si conferma», annuncia Fabrizio Fiorani, pastry chef del gruppo. «Riuscito per due motivi: la lavorazione e gli ingredienti naturali. Sono fatti con lievito madre e lasciati riposare per 72 ore, senza conservanti e additivi aggiunti, con una scadenza di 35 giorni dalla data di produzione, che corrisponde a quella di confezionamento». 


Ultimo aggiornamento: Sabato 11 Dicembre 2021, 14:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA