Vittorio Fusari, lo chef morto a 66 anni per un problema cardiaco. Il suo motto era: «Un cibo di cuore e pensato»
di Ilaria Del Prete

Lo chef Vittorio Fusari morto a 66 anni per un problema cardiaco. Il suo motto era: «Un cibo di cuore e pensato»

Lo chef Vittorio Fusari è morto oggi, poco dopo le 19, all'ospedale di Chiari. A tradirlo è stato il cuore, quello che metteva nella sua cucina e aveva fatto diventare anche il suo motto: "un cibo di cuore e pensato".

Leggi anche > Morto chef Vittorio Fusari, il ricordo del collega Pino Cuttaia: «Un visionario. Lasciò il lavoro per passare più tempo con il figlio»

Lo chef era ricoverato per problemi cardiaci da una ventina di giorni. Proprio nel giorno di Capodanno, quando stava per essere dimesso, è stato colto da un ultimo malore che gli è stato fatale. Vittorio Fusari si è spento nel reparto di Rianimazione dell’ospedale Mellini di Chiari a 66 anni, compiuti in dicembre. Fusari lascia la moglie Anna Patrizia Ucci e il figlio quindicenne. Proprio per amore della famiglia, lo chef aveva abbandonato due anni fa la sua esperienza milanese a Al Pont de Ferr.

Ora chef del rinomato ristorante Balzer di Bergamo, Fusari è stato ricordato dalla sua brigata con un post su Facebook. «Ciao Vittorio - scrivono dal locale storico del Sentierone -. Sei nei nostri cuori. Il nostro grande Maestro, ci mancherai tanto».



Anche sul profilo Instagram dello chef è apparso un messaggio: 
«Non vi ho lasciati, avete in eredità le mie ricette che raccontano le mie idee. ⁠Copiatele e fatele vivere costruendo attraverso il cibo un mondo migliore». ⁠
Mercoledì 1 Gennaio 2020, 21:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA