Uva Ruby Roman, un grappolo costa 10mila euro: 380 ad acino. È la più cara al mondo, ecco perché

La varietà coltivata solo nella prefettura giapponese di Ishikawa

Uva Ruby Roman, un grappolo costa 10mila euro: 380 ad acino. È la più cara al mondo, ecco perché

Un grappolo d'uva dal valore di diecimila euro, quasi 380 euro ad acino. Si tratta della varietà Ruby Roman, la più costosa al mondo, che arriva direttamente dal Giappone. Più precisamente, questo frutto proibito è coltivato solo nella prefettura di Ishikawa, nella regione di Chūbu, e ha raggiunto il prezzo record nel 2020, quando durante un'asta un grappolo da 900 grammi è stato battuto per 12mila dollari, 10mila euro. Ma cosa giustifica un prezzo così fuori mercato?

Listeria, salame ritirato dal mercato: «Non mangiatelo». Ecco la marca e il lotto contaminato

Carne d'orso servita al ristorante, scoppia la polemica. Michela Brambilla: «Aberrante, chi controlla?»

Le caratteristiche dell'uva Ruby Roman

 

L'uva Ruby Roman è caratterizzata da un inconfondibile colore rosso e sorprendente dolcezza. La sua vendita avviene solo tramite asta - come per la maggior parte dei prodotti esclusivi del mondo - e ogni grappolo deve soddisfare dei criteri rigorosi. Ogni acino deve pesare non meno di 30 grammi e avere un contenuto di zucchero pari al 18%. Delle caratteristiche non facili da ottenere, tanto che nel 2011 una sola vite ha soddisatto gli standard. 

La coltivazione

 

Nella cultura giapponese, la frutta è considerata un oggetto di lusso e da regalo. In effetti, i supermercati giapponesi spesso non vendono frutta se presenta imperfezioni o non è della forma giusta. La raccolta dell'uva Ruby Roman inizia a luglio, giusto in tempo per una delle due principali festività giapponesi, Ochugen. L'uva viene coltivata solo nella prefettura di Ishikawa e viene coltivata in serra, dove gli agricoltori hanno un migliore controllo sul processo di crescita. Ogni grappolo viene monitorato e curato, in modo che ogni acino in un grappolo sembri totalmente identico all'alto. Per produrre uve della giusta dimensione, si usano un dispositivo per il diradamento dell'uva e un semplice paio di forbici. Il secondo fattore che controllano è la luce. L'ultimo elemento da controllare per i viticoltori Ruby Roman è la temperatura. Eppure, non tutte le uve Ruby Roman coltivate dagli agricoltori saranno all'altezza degli standard. Ecco perché l'offerta è costantemente limitata. Nel 2020 erano in vendita solo 25.000 grappoli Ruby Roman. Questa è una piccola parte della produzione annuale di uva del Giappone, che era di circa 163.000 tonnellate nel 2020. È stato solo nel 2008 che le prime uve Ruby Roman sono state messe in vendita. Lo sforzo per crearle è iniziato nel 1995, quando i viticoltori locali e il Centro di ricerca agricola di Ishikawa si sono uniti per sviluppare una nuova razza di uva rossa grande.


Ultimo aggiornamento: Lunedì 5 Dicembre 2022, 12:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA