L’estate è tonica con i fizzy cocktail: ​la tendenza mixology del 2019
di Nicole Cavazzuti

L’estate è tonica con i fizzy cocktail: la tendenza mixology del 2019

Leggeri, dissetanti e beverini: i fizzy cocktail, ovvero i long drink con tonica, ginger beer o bollicine (in genere con base gin o vodka), sono una delle tendenze mixology dell'estate 2019. Tanto che sempre più spesso si conquistano una sezione ad hoc all'interno dei menù.

E questo non accade solo a Milano e a Roma. A Como, per esempio, il barmanger Vincenzo Sulmona nella drink list di Terrazza 241, rooftop bar dell'Hilton Lake Como, offre tre signature sodati tra cui il Fizz Desire con Absolut Elyx, Martini Rosato, sciroppo al pepe rosa, succo di limone e tonica al pepe rosa.




Da Como a Firenze: i barman Edoardo Sandri e Simone Corsini dell'Atrium Bar dell'Hotel Four Seasons firmano diversi fizzy drink, come il Sophia Loren Marylin Monroe con Tanqueray Gin, Bitter Martini Riserva Speciale, lampone, shrub di vaniglia e spumante. «Il boom dei fizzy è trainato da più fattori: da un lato le aziende lanciano sul mercato nuove referenze aromatizzate cavalcando la Gin Tonic mania, dall'altra i consumatori sono più attenti alla salute e preferiscono drink low alcol. Infine, per i gestori i fizzy drink sono convenienti perché hanno margini di guadagno maggiori» osserva Andrea Corelli, special spirits Boldrini.
Giovedì 18 Luglio 2019, 05:01
© RIPRODUZIONE RISERVATA