A Natale sei triste? Meglio evitare panettone e pandoro. Gli esperti: «Aumentano l'effetto Grinch»

Per alcune persone il Natale è gioia, ma non tutti amano questo periodo in cui sembra regnare la frenesia, il contatto con i parenti può essere forzato. E' 'l'effetto 'Grinch' (dal nome del personaggio di fantasia che detesta il Natale), che porta una sensazione di distacco e può innescare depressione, malumore, spossatezza e irritabilità, una latente tristezza che spinge a rinchiudersi in sé stessi.
 
 

Cosa fare contro la malinconia delle Feste? Evitare i tanti (talvolta troppi) dolci sulle tavole, a cominciare da panettone e pandoro. Il suggerimento arriva da una ricerca dell'Università del Kansas, pubblicata su Medical Hypotheses. Lo studio, una revisione di ricerche precedenti, evidenzia che consumare zuccheri aggiunti può innescare processi metabolici, infiammatori e neurobiologici legati a malattie depressive. Insieme alla luce in diminuzione durante l'inverno e ai cambiamenti nei modelli di sonno, un elevato consumo di zucchero potrebbe provocare secondo i ricercatori la «tempesta perfetta» che influisce negativamente sulla salute mentale.
 
 

Per Stephen Ilardi, autore principale dello studio, evitare l'aggiunta di zucchero nella dieta potrebbe essere particolarmente impegnativo perché si sperimenta un iniziale miglioramento dell'umore. Poi però in dosi elevate la conseguenza può essere un peggioramento. Nelle Feste occhio anche all'inattività: bastano due settimane per aumentare il grasso corporeo e danneggiare muscoli e ossa, secondo una ricerca dell'Università di Liverpool, presentata al meeting Future Physiology 2019.
Sabato 14 Dicembre 2019, 11:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA