Giovani stelle: Michelin 2022 conferma i big e punta sugli chef del futuro
di Valeria Arnaldi

Giovani stelle: Michelin 2022 conferma i big e punta sugli chef del futuro

Due nuovi duestelle, in 15 perdono il riconoscimento. Boom della Campania

Sono trentasei le nuove stelle della Guida Michelin 2022, presentata ieri in Franciacorta: due le new entry tra le 2 stelle, 33 tra le realtà 1 stella. Rimangono 11 i tre Stelle, tutti confermati. In totale, sono 378 gli stellati. I giovani guidano la scalata: sedici chef, tra le nuove stelle, hanno 35 anni o meno, cinque sono under 30. Bene pure le stelle verdi, per la sostenibilità: 17 le novità.

 

LA SORPRESA A stregare gli ispettori della Guida è stato il Tre Olivi a Paestum, con lo chef Giovanni Solofra - che vanta grandi esperienze con Heinz Beck, Quique Dacosta e Ciccio Sultano - passato dal non avere alcuna Stella ad ottenerne due. Un traguardo che si fa metro di un trend regionale.

 

Sono otto le novità stellate in Campania. Qui, anche i due nuovi due stelle: oltre ai Tre Olivi, il Krèsios, chef Giuseppe Iannotti, a Telese Terme. La provincia di Napoli si conferma prima, con 30 stellati, a notevole distanza dalla seconda, Roma, con 20, e da Bolzano, terza, con 19. La Campania, con 48 stellati, inoltre, sale al secondo posto nella classifica delle stelle per regioni, superando il Piemonte, con 45. La Lombardia, con 56, mantiene salda la prima posizione. La Toscana strappa la quarta al Veneto.

 

Bene le isole. La Sicilia brilla con Gagini Restaurant a Palermo. La Sardegna vanta tre new entry incluso, a San Teodoro, Gusto di Claudio Sadler, chef cui, nel 2018 a Milano, la Guida tolse la seconda stella. Non mancano i premi speciali. Giovane Chef è Solaika Marrocco, di Primo Ristorante, a Lecce. Chef Mentore è Nadia Santini, dal Pescatore, a Canneto sull'Oglio. Sommelier, Sonia Egger, di Kupperlain, a Castelbello. E Servizio di Sala va a Matteo Zappile de il Pagliaccio, a Roma.

 

STELLE CADENTI Non solo premi. Perdono una Stella: La Stua de Michil, L'Aria, Le Colonne, La Taverna, L'Ora d'Aria, Villa Giulia, It, Ambasciata, La Fenice, Bistrot 64, Il ridotto, Osteria da Fiore, Il Portale, Cinzia da Cristian e Manuel. Per tante stelle cadute, un solo desiderio: tornare - presto - a splendere.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 24 Novembre 2021, 11:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA