Focaccia vecchia di 70mila anni fa svela il segreto della dieta degli uomini preistorici

Video

Non lontano da Baghdad, nelle grotte di Shanidar, alcuni archeologi hanno portato alla luce e analizzato, grazie a un microscopio elettronico a scansione, resti di cibo risalenti a circa 70mila anni fa. Sono campioni che dimostrano la presenza di noci, legumi e semi, tutti ingredienti utili per insaporire il loro cibo.

2023 sarà l'anno del cibo sintetico: carne e pesce in laboratorio? Coldiretti: «Necessaria legge che lo vieti in Italia»

Listeria nella mortadella, diversi lotti a marchio Veroni ritirati dal mercato. L'allarme del Ministero: «Non consumateli»

Salmonella nelle uova, richiamate dal mercato. Ecco la marca e i lotti interessati

La spiegazione

Uno degli autori dello studio, il professore di paleoecologia culturale alla Liverpool John Moores University, Chris Hunt, ha spiegato che «queste sono certamente le focacce più antiche conosciute: non c'è traccia delle bolle causate dal lievito, quindi era azzimo».

Il miscuglio di cereali, erbe e legumi selvatici veniva cotto sul fuoco e su pietre roventi. «Il vecchio stereotipo è che i Neanderthal fossero meno intelligenti degli umani moderni e che avessero una dieta prevalentemente a base di carne. Le nostre scoperte sono la prima vera indicazione della cucina complessa tra i Neanderthal», ha aggiunto.

Foto: Shutterstock Music: "Summer" from Bensound.com
LEGGI ANCHE:-- Questo cibo è eterno, dopo 3000 anni puoi ancora mangiarlo: ecco qual è


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Novembre 2022, 13:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA