Incidente stradale fa scoprire il pedofilo dopo gli atti sessuali su un ragazzino: condanna a 5 anni

Incidente stradale fa scoprire il pedofilo dopo gli atti sessuali su un ragazzino: condanna a 5 anni

di Alfredo d'Alessandro

E' stato condannato a 5 anni e 6 mesi di reclusione E.S., 51 anni, di Crecchio, accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di un ragazzo di Chieti che aveva 15 anni (oggi ne ha 16) , nel processo con il rito abbreviato dinanzi al gup Luca De Ninis, il pm Giancarlo Ciani aveva chiesto sei anni. Nei confronti dell'uomo è scattata anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici.

E.S., che per questa vicenda, venuta fuori grazie a un incidente stradale, si trova agli arresti domiciliari da giugno dell'anno scorso, era in aula, accanto al suo avvocato, Antonio Tenaglia. La vittima non si è costituita parte civile.

L'uomo e il ragazzo si erano conosciuti attraverso un sito di incontri per omosessuali. La tesi difensiva, in sostanza, è che da parte del ragazzo c'è stata un'accettazione del rischio dal momento che ha avuto accesso al sito falsificando le proprie generalità e in precedenza aveva avuto per sua stessa ammissione rapporti sessuali con maggiorenni di cui non conosceva l'età o la provenienza. Dunque, avrebbe accettato il rischio di avere questo incontro a sfondo sessuale con chiunque fosse, sapendo che nel sito vengono indicate generalità false e postate foto false, come lui stesso aveva fatto.

E.S., che ha un procedimento per lo stesso reato, aveva creato un profilo falso, con tanto di foto di un 18enne. Dà appuntamento al ragazzo con una videochiamata nel corso della quale riesce a non farsi vedere bene in volto, ma il ragazzo dopo un ripensamento disdice l'appuntamento e a quel punto scatta la minaccia: E.S. gli dice senza mezzi termini che rivelerà ai genitori la sua tendenza omosessuale e che racconterà tutto ai carabinieri.

Il ragazzo allora va nel piazzale del Tricalle dove, a bordo di un'Alfa, non trova un ragazzo ma un adulto. Di lì i due raggiungo il parco fluviale, allo Scalo, dove si consuma l'atto sessuale. Ma nel frattempo arriva qualcuno e così l'auto riparte a gran velocità e lungo il tragitto si schianta contro l'auto condotta da un ragazza. Il quindicenne scende e si avvicina alla ragazza dicendole di scappare perchè quell'uomo, che ha i pantaloni con la cerniera aperta e le scarpe slacciate, è un violentatore. Il ragazzo si allontana, E.S. finisce in ospedale. Poco dopo Il 15enne si confida con una una compagna di scuola e lo tesso giorno denuncia tutto ai Carabinieri.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 23 Febbraio 2022, 08:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA