Sari riconosce i volti, presi i primi ladri a Brescia

GUARDA IL VIDEO

La Polizia di Stato è riuscita ad arrestare due ladri georgiani grazie all'utilizzo di un sistema di riconoscimento facciale. “Sari”, il nuovo e sofisticato programma della Polizia scientifica di riconoscimento delle immagini, ha permesso oggi alla Polizia di Stato di Brescia di arrestare due soggetti di origine georgiana ritenuti responsabili di un furto in abitazione commesso lo scorso 17 luglio a Brescia», si legge in un comunicato delle forze dell'ordine. 
 

Le immagini acquisite da una telecamera di video sorveglianza si sono rivelate decisive per le indagini per le indagini condotte dalla Squadra mobile. «I fotogrammi sono stati poi analizzati con l'applicativo in uso alla Polizia Scientifica che permette di confrontare le immagini dei rei con i volti dei milioni di soggetti schedati, restituendo una ristretta platea di sospettati. A completare il quadro indiziario a carico dei due stranieri, domiciliati in provincia di Verona, è stato il ritrovamento degli indumenti indossati durante il furto e l'analisi dei tabulati telefonici».

 

Leggi l'articolo su Leggo.it
Outbrain
Ritrovata Giusy Pepi, era in fila per mangiare alla Caritas. Il marito: «Per lei la porta non è aperta»
Kenya, rapita Silvia Romano volontaria italiana di 23 anni in un attacco ad un mercato a 80 chilometri da Malindi
Olio in offerta al Lidl, assalto al supermercato tra insulti e spintoni: «Figlio di p***»
«C'è un dottore libero?»: ciclista si presenta in ospedale con un coltello conficcato in testa
Il fidanzato la lascia, lei lo uccide e lo cucina dentro un piatto della tradizione: «Un dente nel frullatore»